menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Consar si butta via a Verona: clamoroso lo spreco di punti nel primo set

l 3-0 è risultato anche troppo severo per la Consar che chiude questo tour de force iniziale di SuperLega con 9 punti

Non c’è una controprova, ma resta il dubbio di come sarebbe potuta finire la partita se la Consar nel primo set non avesse dilapidato un vantaggio di sette punti (21-14). E nemmeno come sarebbe andata se, nel finale punto a punto del secondo set, fosse stata Ravenna e non Verona a vincere. Di certo, la Consar torna a casa sconfitta, arrabbiata e con la consapevolezza di avere fallito una grande opportunità di fare risultato contro una Calzedonia che ha confermato il suo alto livello tecnico. Saitta e compagni lottano alla pari con la Calzedonia, mostrano a lungo scorci di buona pallavolo, quel carattere indomito e quella tenacia che hanno messo in evidenza in questo primo scorcio di stagione,  ma mancano di quella lucidità e freddezza nei momenti fondamentali dei set che coach Graziosi aveva chiesto alla vigilia. Il 3-0 è risultato anche troppo severo per la Consar che chiude questo tour de force iniziale di SuperLega con 9 punti e la consapevolezza di essere una squadra con margini di crescita importanti.

La partita

Grbic schiera l’ex Ravenna Spirito in diagonale con Boyer, gli schiacciatori Manavi-Sharifi e i centrali Alletti e Solè. De Pandis è il libero. Graziosi conferma il sestetto di questo inizio stagione affidando a Raffaelli il ruolo di schiacciatore in coppia con Poglajen e Goi libero. Il primo strappo del primo set porta la firma di Boyer, che firma due attacchi vincenti cui segue il muro di Manavi (10-7). La reazione della Consar è immediata: due punti di Raffaelli sanciscono la nuova parità (10-10). Rychlicki firma il primo vantaggio ravennate (12-13), che dà il via ad un break importante, con il quale la Consar arriva fino al 13-18 e poi addirittura al 14-21, con un contributo in attacco un po’ di tutti i suoi giocatori. Ma qui la Consar si blocca: Savani, nel frattempo entrato al posto di Sharifi, infila un buon turno al servizio e la Calzedonia si riporta sotto (19-21). E’ Poglajen a fermare la rimonta col mani fuori di Manavi. Ma Boyer con tre micidiali ace riscrive il finale del set, fissando il sorpasso sul 24-23. Al terzo set ball Verona si aggiudica il parziale, completando un’incredibile rimonta. 

La Consar sembra accusare il colpo e all’inizio del secondo set lascia scappare via Verona, che arriva al +5 come massimo vantaggio (13-8). Saitta e compagni provano a cambiare l’inerzia del set: con Russo (3 punti) e Rychlicki (2) e un errore di Manavi si portano a -1 (17-16). Un errore di Boyer fissa la parità a quota 19, Rychlicki porta avanti i suoi sul 21-22 aprendo l’appassionante finale punto a punto, deciso a favore di Verona da due attacchi di Boyer.  Ravenna subito davanti all’alba del terzo set, con un muro di Verhees e un attacco di Rychlicki ma poi c’è il break di Verona che si porta sul 4-2. Si procede punto a punto fino al 7-7, quando Verona dà una nuova accelerata. E’ l’ace di Russo a fissare la nuova parità sul 16-16 e il muro di Poglajen a dare il nuovo vantaggio a Ravenna. Boyer con tre attacchi vincenti di fila, e Savani, premiato alla fine come MVP, piazzano i punti dell’ultimo allungo, quello decisivo, perché Saitta e compagni non riescono più ad annullare lo svantaggio. Il muro di Spirito su Lavia decreta il 3-0 finale che vale la terza vittoria di fila per Verona e la terza sconfitta in trasferta per Ravenna.

Il tabellino

Verona-Ravenna 3-0
(27-25, 29-27, 25-21)

CALZEDONIA VERONA: Spirito 5, Boyer 22, Solè 8, Alletti, Manavi 8, Sharifi 2, De Pandis (lib.), Marretta, Birarelli 3, Savani 9. Ne: Pinelli, Grozdanov, Magalini. All.: Grbic. 
CONSAR RAVENNA: Saitta, Rychlicki 16, Verhees 5, Russo 10, Raffaelli 6, Poglajen 9, Goi (lib.), Di Tommaso, Argenta, Marchini, Lavia 7. Ne: Frascio (lib.), Elia, Smidl. All.: Graziosi. 
ARBITRI: Sobrero di Savona e Florian di Treviso. 
NOTE: Durata set: 31’, 37’, 28’ tot. 96’. Verona (3 bv, 13 bs, 12 muri, 7 errori), Ravenna (4 bv, 15 bs, 11 muri, 9 errori). Spettatori: 3307. MVP: Savani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento