rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Animali

Era quasi morta, spiaggiata sulla riva: i volontari salvano la tartaruga Gevy a Lido di Dante

Inizialmente la tartaruga sembrava morta, arenata tra la sabbia riportata nei lavori di ripascimento. Poi le Guardie ecologiche volontarie hanno notato dei segni di vita

Sembrava morta, poi però ha dato dei timidi segni di vita. Domenica, durante l’usuale servizio di pattugliamento, le Guardie Ecologiche Volontarie (Gev) di Legambiente hanno rinvenuto una tartaruga "caretta caretta" sulla spiaggia cosiddetta “zona blu” antistante la Riserva Naturale di foce Bevano, a Lido di Dante. La tartaruga era adagiata in riva, riferiscono i volontari del Gev, tra la sabbia riportata nei lavori di ripascimento in corso, nei pressi delle tubature che convogliano il materiale a terra dai punti di prelievo al largo, e sembrava morta. Ad una più attenta osservazione da parte di una guardia, tuttavia, la tartaruga ha dato dei piccoli segnali di vita. 

Così è stato immediatamente contattato il Centro sperimentale per la tutela degli habitat (Cestha) che ha sede nell’ex Mercato del Pesce di Marina di Ravenna, il quale ha fornito le indicazioni per soccorrere la tartaruga in sicurezza. Dopo poco è arrivata la dottoressa Sara Segati, biologa del Centro, che ha prelevato la tartaruga, trovandola molto debilitata e sporca di sabbia fangosa. Ora la tartaruga, che è stata chiamata Gevy, è ricoverata presso la struttura e, posta sotto cura, sta dando timidi segnali di ripresa.

Le Gev di Legambiente ricordano che ogni animale marino rinvenuto va segnalato alla Capitaneria di Porto ed al centro di recupero, i quali forniranno tutte le indicazioni del caso. Bisogna non toccare l’animale, fornire la posizione il più possibile precisa in cui ci si trova, allertare la Capitaneria di Porto di Ravenna (0544 443011), contattare il Cestha (351 8544072) e rimanere reperibili in attesa di istruzioni per soccorrere al meglio l’animale in difficoltà. E’ opportuno segnalare anche gli animali purtroppo privi di vita. 

"Abbiamo inoltre appreso che per la prima volta, grazie al Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto in seno al Ministero della Transizione Ecologica, è stato istituito il servizio di raccolta dati nazionale degli spiaggiamenti di rettili e mammiferi marini - aggiungono le guardie ecologiche di Legambiente - un servizio indispensabile per monitorare la salute del mare e delle sue creature, sempre più minacciati dalle attività umane e dai cambiamenti climatici in corso. E chissà che il Reparto non possa venir presto a conoscere questa bella realtà ravennate".

tartaruga Caretta spiaggiata Lido di Dante-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Era quasi morta, spiaggiata sulla riva: i volontari salvano la tartaruga Gevy a Lido di Dante

RavennaToday è in caricamento