Edilizia, Acmar in assemblea. Fusignani: "Criticità del comparto ancora evidenti"

"A Ravenna la congiuntura è stata particolarmente sfavorevole a causa delle difficoltà di collegamento viario che hanno coinvolto il nostro territorio", ha evidenziato Fusignani

Sabatoall’assemblea ordinaria dell’Acmar, Associazione cooperativa muratori & affini Ravenna, ha portato il saluto dell’amministrazione comunale il vicesindaco Eugenio Fusignani. "Complimentandomi per il risultato economico ottenuto, pur di fronte al perdurare della crisi del settore edile, ritengo che il nostro territorio sia vitale con un sistema di imprese sano, come hanno confermato anche i dati forniti recentemente da Confindustria Romagna - ha esordito Fusignani -. Purtroppo le criticità del comparto sono ancora evidenti a fronte di un immobilismo del governo centrale sulle grandi opere".

"A Ravenna la congiuntura è stata particolarmente sfavorevole a causa delle difficoltà di collegamento viario che hanno coinvolto il nostro territorio - ha osservato -. Anche ogni giorno di ritardo sulla tabella di marcia sull’hub portuale ha delle ricadute importanti. Per questo occorre tenere alta l’attenzione e cercare di rispettare la tempistica dei lavori. La politica non può sostituirsi alle imprese, ma deve sostenerne le dinamiche con azioni che favoriscano la crescita, come la recente approvazione da parte della Regione Emilia-Romagna del Prit (Piano regionale integrato dei trasporti) con l’inserimento delle varianti sulla statale 16 e della riqualificazione della statale 67 Ravegnana".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Analogamente anche il Comune di Ravenna, attraverso i propri strumenti urbanistici, con il nuovo Pug (Piano urbanistico generale) in fase di pianificazione, potrà dare il proprio contributo a sostegno del settore e dell’indotto. Anche perché, a seguito di una tendenza al saldo zero relativo al consumo di suolo, c’è tutto un patrimonio edilizio da riqualificare, così come ci sono aree che dovranno essere oggetto di rigenerazione urbana - ha concluso -. Questo consentirà a pubblico e privato di contribuire all’incentivazione delle costruzioni, settore trainante di ogni economia. Al consiglio di amministrazione dell’Acmar, impresa storica del nostro territorio, va il plauso del Comune per aver saputo affrontare la crisi prestando sempre attenzione ai propri soci e lavoratori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Scoppia un incendio nell'allevamento: tanti uccelli morti tra le fiamme

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta contro un muretto: grave incidente sulla Brisighellese

  • Il caso era stato segnalato a "Chi l'ha visto?", trovata l'anziana allontanatasi da Milano

  • Fase due, Bonaccini: "Prudenza o tra qualche settimana dovremo richiudere"

Torna su
RavennaToday è in caricamento