Economia

Cna lancia una petizione: "Aprire le imprese del benessere e consentire gli spostamenti tra Comuni"

"Abbiamo lanciato una petizione che ha come obiettivo di ottenere, nel prossimo dpcm, un rilevante cambio di strada rispetto a quello attuale"

"Le misure adottate nei confronti del settore benessere sono un esempio eclatante di una gestione dei provvedimenti contro la pandemia contraddittoria e spesso incomprensibile. In questa fase così difficile le imprese hanno fornito, senza mai tirarsi indietro, il loro contributo (economico e organizzativo) per cercare di ridurre il contagio e lavorare in sicurezza". Così in una nota la Cna di Ravenna, che continua: "Le imprese hanno rigorosamente rispettato tutti i protocolli e le norme e continueranno a farlo perché è una modalità che fa parte del loro modo di lavorare a stretto contatto con i clienti e a fianco dei loro dipendenti, garantendo a tutti condizioni di sicurezza, tranquillità e benessere. Dopo mesi in cui le imprese hanno dovuto affrontare perdite economiche pesanti, è infine arrivata la beffa della chiusura imposta dal dpcm 3 marzo 2021, mentre molti altri negozi e imprese non hanno subito le stesse restrizioni e proprio quando stava maturando la ragionevole aspettativa che in zona rossa potessero rimanere aperti, oltre agli acconciatori, anche i centri estetici. Cna giudica, inoltre, insufficiente l’Ordinanza della Regione Emilia-Romagna che riapre le attività di toelettatura animali ma dimentica ancora una volta parrucchieri, estetisti, palestre ecc".

"Va, inoltre, evidenziato il fatto che - anche quando aperti - gli acconciatori hanno subito l’ingiusta chiusura dei confini comunali, che ha impedito ai loro clienti non residenti nello stesso comune di raggiungere, anche a pochi chilometri di distanza, la loro impresa di fiducia che, naturalmente, lavorando solo su appuntamento non poteva creare alcun assembramento interno o esterno - continuano da Cna - Queste imprese sono state e saranno sempre rispettose delle leggi ma non possono tacere la rabbia e la delusione per un provvedimento ingiusto. Per loro è inaccettabile rimanere ancora chiusi pur garantendo piena sicurezza così come definito dai protocolli settoriali e come anche l’Inail ha recentemente certificato. Le chiusure, infine, avranno l’effetto di aumentare in maniera esponenziale l’abusivismo, con persone non qualificate e non autorizzate che offrono servizi a domicilio senza nessun controllo, aumentando così il rischio di contagio".

La Cna chiede nuovamente che "le imprese dei servizi alla persona possano continuare a lavorare, in qualsiasi zona si trovino, garantendo al 100% la sicurezza di tutti (clienti, personale dipendente, imprenditori) e nella consapevolezza che tenere queste strutture aperte porta un vantaggio a tutta la collettività: meno possibilità per gli abusivi, meno contagi, meno ristori da fornire, meno ricorso agli ammortizzatori sociali. Ribadiamo, infine, che la Cna non condivide iniziative singole o collettive in contrasto con le norme e le disposizioni vigenti per il contrasto alla diffusione del virus, iniziative tese a strumentalizzare la legittima protesta avanzata dalle imprese. Per questa ragione abbiamo lanciato una petizione che ha come obiettivo di ottenere, nel prossimo dpcm, un rilevante cambio di strada rispetto a quello attuale. È possibile firmarla da subito sul sito di Cna".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cna lancia una petizione: "Aprire le imprese del benessere e consentire gli spostamenti tra Comuni"

RavennaToday è in caricamento