menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni amministrative, Nazione Futura e il ruolo del centrodestra: "Città contendibili"

Lo hanno dichiarato il coordinatore regionale di Fdi Barcaiuolo, il deputato romagnolo della Lega Gianni Tonelli e il coordinatore regionale di FI Aimi durante l'evento organizzato da Nazione Futura

Si è svolto il dibattito in streaming online, organizzato dal Movimento di idee Nazione Futura, sulle elezioni amministrative che si terranno in Romagna, anche a Ravenna. L’evento, aperto da Davide Gabriele (esponente di Nazione Futura) e moderato dal giornalista Maicol Mercuriali, ha visto la partecipazione dei rappresentanti delle tre forze politiche di Centrodestra del territorio romagnolo: Michele Barcaiuolo (consigliere regionale e coordinatore di Fratelli d’Italia), Enrico Aimi (senatore e coordinatore regionale di Forza Italia) e Gianni Tonelli (deputato della Lega eletto nel collegio Romagna).

Gli interventi degli ospiti hanno evidenziato come gli orientamenti dei rispettivi partiti siano indirizzati verso un unico fine: governare in Romagna. I tre esponenti della coalizione di centrodestra hanno quindi ribadito unità e manifestato ottimismo per la possibilità di vittoria, considerando anche i risultati delle scorse elezioni regionali, "che hanno dimostrato quanto le città siano contendibili, nonostante la residuale persistenza regionale della sinistra".

Michele Barcaiuolo di FdI ha sostenuto che "le amministrative del 2021 saranno l'ennesima occasione per fare sintesi nella coalizione, a prescindere dal quadro nazionale delineatosi negli ultimi giorni". Sulla stessa linea Gianni Tonelli della Lega, che ha assicurato "la collaborazione tra i tre partiti, accomunati da uno stesso bagaglio valoriale", così come Enrico Aimi di FI che ha evidenziato "gli sforzi della coalizione per il bene della comunità".

Durante l'incontro è stato sottolineato come "le sfide da affrontare nei prossimi fondamentali mesi spingano il centrodestra ad agire a tutela del tessuto produttivo, soprattutto per quanto riguarda la salvaguardia delle medie e piccole imprese romagnole, penalizzate fortemente dalla crisi sanitaria ed economica". Tra le prospettive future per la Romagna, si è posta la massima attenzione sul settore turistico, in grande affanno dall'estate scorsa, ma fattore chiave per la crescita del territorio. Grande vicinanza è stata più volte rivolta alle tante attività chiuse o non sufficientemente aiutate dagli strumenti economici governativi come i ristori che, come ha sottolineato il consigliere di Fratelli d’Italia Barcaiuolo, “coprono soltanto la spesa d’affitto di un mese”. Per accelerare i lavori di ripresa del turismo e della produttività, secondo il Senatore di Forza Italia Aimi, sarà necessario "investire anche sulle risorse europee previste dal Recovery Fund, evitando gli errori commessi in precedenza dal governo giallo-rosso".

Per completare il quadro degli interventi, è stato dato spazio anche al tema della sicurezza, non solo nazionale ma soprattutto locale. Secondo il deputato della Lega Tonelli, l’argomento risente ancora del “vulnus ideologico della sinistra”. I tre esponenti si sono detti concordi sul fatto che "il radicamento della criminalità organizzata sia tra le cause della crescente invivibilità nelle città romagnole e, per tale motivo, hanno affermato che il controllo del territorio dovrà essere una delle parole d'ordine per le prossime amministrative".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento