rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Politica Centro / Piazza Andrea Costa

Tensione al comizio della Lega, Salvini: "Ci sono dei pirla. Il bello è confrontarsi"

Prima del comizio le forze dell'ordine hanno bloccato alcuni contestatori, prima che la situazione degeneressa con un contatto con gli attivisti della Lega

Non sono mancati momenti di tensione in piazza Andrea Costa per il comizio di fine campagna elettorale della Lega Nord. Alcune persone hanno infatti contestato l'arrivo di Alan Fabbri, candidato per il Carroccio alla presidenza della Regione Emilia-Romagna, di Matto Salvini, leader del partito, e di Gianluca Pini, segretario della Lega Nord Romagna. Numerosi i sostenitori, circa un centinaio, che hanno incitato gli esponenti della Lega.

"Noi diamo la possibilita' di cambiare volto politico alla Romagna", ha affermato Fabbri, che ha assicurato servizi alla persona per i cittadini emiliano-romagnoli. Evidenziando come quella emiliano romagnola sia la terra con la "piu' alta percentuale di extracomunitari". il candidato alla presidenza della Regione ha sottolineato come "la politica della sinistra ha tutelato una certa fascia, non quella che ha creato lo stato sociale". Per la Lega Nord vengono prima i romagnoli, "non metteremo un euro per l'immigrazione", ha rimarcato Salvini, convinto che "l'aria e' buona. Dopo 70 anni di strapotere rosso per lavorare in Romagna non servira' piu' la tessera della cooperativa o della Cgil".

Tra gli argomenti toccati da Salvini anche quello del turismo e dell'agricoltura ("sono stati massacrati da Bruxelles. Noi siamo pronti a uscire da una Ue che non ci ha dato nulla". Sul tema della sanità, per Salvini gli ospedali "non devono diminuire ma essere potenziati". Infine la Lega si candida come partito leader del centrodestra: "Noi - ha sottolineato Salvini - siamo l'unica vera alternativa a Renzi e alla sinistra".

TENSIONE - Prima del comizio le forze dell'ordine hanno bloccato alcuni contestatori, prima che la situazione degeneressa con un contatto con gli attivisti della Lega. "Razzista - hanno urlato -. Ravenna è antifascista e ti ripudia". Ma non si è fatta attendere la replica di Salvini: "Se pensano di spaventarci si sbagliano di grosso. E' un peccato rubare tempo ai Carabinieri perche' nelle piazze ci sono dei pirla. Il bello del confronto è proporre idee". Comunque "domenica passa il treno e non tornerà per cinque anni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tensione al comizio della Lega, Salvini: "Ci sono dei pirla. Il bello è confrontarsi"

RavennaToday è in caricamento