rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Politica

Inquinamento acustico nell'Isola San Giovanni, Ferrero (FdI): "Il Comune intervenga"

Il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia chiede a gran voce che il Comune incarichi Arpae effettui "la misurazione dei rumori causati dal traffico cittadino e dal passaggio dei treni"

Rumore continuo e oltre la soglia di tollerabilità: è questa la denuncia presentata da Alberto Ferrero, consigliere comunale e coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, all'Amministrazione di Ravenna relativa alla cosiddetta Isola San Giovanni (quartiere ravennate che comprende la zona della stazione, i giardini Speyer, via Carducci ecc). "Durante la commissione sicurezza del 25 maggio 2022, la Presidente del Comitato Cittadino-Isola San Giovanni Lucla Bondi, ha evidenziato i gravi problemi, non solo di degrado, ma anche di eccessivi rumori - riferisce Ferrero - dovuti alla circolazione stradale, a quella degli autobus e dei treni, soprattutto merci a tutte le ore del giorno e della notte". 

"L’inquinamento acustico, che può essere generato da fonti di rumori insistenti e continui che superano il limite della 'normale tollerabilità', mina non solo la salute dei cittadini residenti in quelle zone esposti h24, ma genera anche un deprezzamento della proprietà immobiliare - aggiunge il consigliere FdI - Eppure ad oggi il Comune di Ravenna, nonostante le continue richieste del Comitato Cittadino, sembra si sia turata le orecchie con la bambagia".

"Ritenendo che sia un dovere di un’amministrazione locale disporre di tutte le risorse per valutare il problema e poi per cercare di risolverlo, si chiede a gran voce che il Comune incarichi Arpae (agenzia prevenzione ambiente ed energia-Emilia Romagna), affinché controlli la misurazione dei rumori causati dal traffico cittadino e dal passaggio dei treni, soprattutto merci durante l’orario notturno - reclama Ferrero - al fine di verificare se i parametri sono o meno “normalmente tollerabili” nella zona antistante la stazione, via Pallavicini, Via Carducci, giardini Speyer e ogni altra che verrà indicata dal Comitato cittadino e rediga la mappatura acustica della zona".

Nel caso in cui i parametri di rumori fossero al di sopra della soglia della 'normale tollerabilità-, si chiede sin da ora che il Comune di Ravenna adotti, con la massima urgenza, tutte le misure necessarie, tra le quali in primis le barriere acustiche antirumore e pannelli fonoassorbenti - conclude Ferrero - La salute è un bene primario e non ci si può voltare dall’altra parte perché non si è residenti in quella zona".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinamento acustico nell'Isola San Giovanni, Ferrero (FdI): "Il Comune intervenga"

RavennaToday è in caricamento