menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Referendum sul taglio dei parlamentari: i Giovani Democratici della Bassa Romagna dicono no

"C'è da sottolineare però che una parte minoritaria dei Giovani Democratici sella Bassa Romagna si è invece espressa per votare sì al referendum"

I Giovani Democratici della Bassa Romagna si sono recentemente riuniti per discutere del referendum costituzionale del 20-21 settembre. "Dopo un’articolata discussione, la maggior parte del gruppo ha scelto di votare per il No al referendum - spiegano - Una scelta motivata dalla preoccupazione per la regolare rappresentatività dei parlamentari verso i territori e dall'opposizione al tema del risparmio della spesa pubblica riguardante il taglio dei parlamentari. C'è da sottolineare però che una parte minoritaria dei Giovani Democratici sella Bassa Romagna si è invece espressa per votare sì al referendum. Le motivazioni dei sostenitori del sì sono legate alla prospettiva di una maggiore qualità dei parlamentari eletti e di un giusto mantenimento della rappresentatività, dato dal fatto che il referendum allineerebbe l’Italia alle altre principali democrazie europee per numero di parlamentari eletti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: esiste davvero il giorno più triste dell'anno?

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento