menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Referendum sul taglio dei parlamentari: i Giovani Democratici della Bassa Romagna dicono no

"C'è da sottolineare però che una parte minoritaria dei Giovani Democratici sella Bassa Romagna si è invece espressa per votare sì al referendum"

I Giovani Democratici della Bassa Romagna si sono recentemente riuniti per discutere del referendum costituzionale del 20-21 settembre. "Dopo un’articolata discussione, la maggior parte del gruppo ha scelto di votare per il No al referendum - spiegano - Una scelta motivata dalla preoccupazione per la regolare rappresentatività dei parlamentari verso i territori e dall'opposizione al tema del risparmio della spesa pubblica riguardante il taglio dei parlamentari. C'è da sottolineare però che una parte minoritaria dei Giovani Democratici sella Bassa Romagna si è invece espressa per votare sì al referendum. Le motivazioni dei sostenitori del sì sono legate alla prospettiva di una maggiore qualità dei parlamentari eletti e di un giusto mantenimento della rappresentatività, dato dal fatto che il referendum allineerebbe l’Italia alle altre principali democrazie europee per numero di parlamentari eletti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento