menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Romagna in zona rossa, "Ravennati allo stremo. Scelta irresponsabile. Subito sgravi"

Così Veronica Verlicchi, capogruppo de La Pigna e candidata sindaco alle prossime elezioni amministrative, commenta la decisione del governatore Stefano Bonaccini di mettere la Romagna in "zona rossa"

"Una decisione grave e non giustificata nemmeno dai dati scientifici, che porta a conseguenze devastanti per i ravennati. Una scelta ancora più pesante se si considera che attività economiche, lavoratori, famiglie e studenti sono stretti nella morsa delle conseguenze della pandemia da ormai un anno". Così Veronica Verlicchi, capogruppo de La Pigna e candidata sindaco alle prossime elezioni amministrative, commenta la decisione del governatore Stefano Bonaccini di mettere la Romagna in "zona rossa", mettendo nel mirino delle critiche anche il sindaco Michele De Pascale e il direttore generale dell'Ausl Romagna, Tiziano Carradori.

"Ogni volta ci chiedono un ultimo sforzo, i cui effetti negativi si riversano nelle nostre tasche e nella nostra tenuta psicologica, senza alcun sollievo per la pandemia", attacca Verlicchi, che parla di "totale mancanza di rispetto nei confronti dei ravennati e di insensibilità verso le nostre necessità. Una decisione assunta con arroganza - tipica di chi governa Ravenna da 70 anni - e senza consultare le categorie economiche e sociali. Bonaccini e De Pascale tengano, però, ben presente che noi ravennati non saremo in grado di sopportare un'ulteriore bordata a danno del nostro lavoro, dei nostri giovani, della nostra vita sociale. È tempo che, finalmente, siano loro a fare i sacrifici dovuti".

Per Verlicchi, "Bonaccini deve velocizzare il processo di vaccinazione, anche con l’apertura di nuovi punti vaccinali, dato che ha già confermato di avere oltre 600.000 dosi in arrivo.  De Pascale, dal canto suo, deve mettere mano al portafoglio del nostro Comune, prevedendo sin da subito sgravi sui tributi comunali e aiuti a sostegno di attività economiche, famiglie e ravennati in difficoltà". Quindi la "cancellazione della Tari e di tutti i tributi comunali per le attività economiche che sono rimaste chiuse, quelle che dovranno chiudere nuovamente e quelle che hanno subito una flessione dal 30% in su del proprio fatturatoospensione del riversamento  dell’imposta di soggiorno per tutto il 2021"; ma anche "l'attivazione di un fondo perduto di aiuti economici ai ravennati in difficoltà".

Conclude Verlicchi: "Il sindaco uscente de Pascale abbandoni finalmente la ritrosia nell’elargire aiuti a sostegno dei ravennati che lo ha caratterizzato fino ad oggi e prenda coscienza della gravità della situazione in cui questo Comune versa ormai da 1 anno". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Torna l'iniziativa "Parliamo della mia salute": gli incontri

Sicurezza

Una casa pulita in maniera green con il vapore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento