Martedì, 28 Settembre 2021
Sport Faenza

Basket, la Rekico inaugura il mercato con l'arrivo di Marco Morara

L'ala\pivot imolese ha incrociato i Raggisolaris molte volte in carriera, giocando sempre ottime partite

La Rekico inaugura il mercato 2021/22 con l’arrivo di Marco Morara, ala\pivot imolese che ha incrociato i Raggisolaris molte volte in carriera, giocando sempre ottime partite. Nell’ultimo campionato con la maglia dell’Andrea Costa Imola ha segnato 16 punti nella gara di andata e 15 in quella di ritorno (entrambi vinte), mentre nella stagione 2019/20 ne mise 18 contribuendo alla vittoria dei New Flying Balls Ozzano al PalaCattani. La prima volta che ‘Morris’ ha incrociato i Raggisolaris risale alla stagione 2013/14 quando era alla Virtus Medicina, e anche in quella occasione mostrò tutte le sue qualità.

Nato a Bologna il 18 ottobre 1990, Morara è un’ala\pivot di 196 cm avvicinatasi alla pallacanestro molto tardi, bruciando però le tappe. A 17 inizia a praticare questa disciplina sportiva nel settore giovanile della Virtus Spes Vis Imola, trasferendosi poi a Faenza nell’allora Pallacanestro Faenza nel 2009/10 dove si divide tra settore giovanile e serie B2. Nel campionato successivo passa alla Marchetti Castel Guelfo in C Dilettanti, poi sale in C Gold alla Virtus Medicina dove resta tre stagioni, diventando un ottimo giocatore per quella categoria. Le prestazioni positive lo portano alla Virtus Spes Vis Imola sempre in C Gold dove gioca due campionati (dal 2014 al 2016), passando poi ai New Flying Balls Ozzano (C Gold) nell’estate del 2016, dove gioca quattro campionati. Con il club bolognese vince la C Gold nella stagione 2017/18 restandovi anche nelle due successive fino al 2020. In due anni Morara diventa un buon giocatore anche per la serie B e così passa all’Andrea Costa Imola, dove resta fino allo scorso giugno prima di sposare il progetto dei Raggisolaris.

“Faenza è sempre stata una tappa fondamentale per la mia crescita – spiega Morara - Nel 2009 arrivai da giovanissimo grazie a Marco Regazzi che era vice coach della Pallacanestro Faenza e quella annata, pur giocando poco, mi servì tantissimo per maturare e migliorare grazie agli allenamenti quotidiani con giocatori molto forti ed esperti; e infatti dall’anno successivo iniziò la mia carriera vera e propria. Ora a trent’anni ci ritorno con grandi ambizioni, perché reputo i Raggisolaris una società seria e ambiziosa che si pone obiettivi importanti e questo per me è un grandissimo stimolo”.

“Ho sempre sentito parlare in maniera molto positiva di questa società per la sua serietà e per l’organizzazione - dice parlando dei Raggisolaris - e così quando ho avuto l’opportunità di giocarci, ho subito accettato. Il mio obiettivo è di mettermi in gioco e alla prova in un ambiente molto professionale e ho davvero tanti stimoli e tanta voglia di fare bene. La mia ambizione è di raggiungere i play off e di arrivare il più lontano possibile. Mi piace giocare per la squadra e mettermi al servizio degli altri, prendendomi però anche le responsabilità quando occorre. Come ruolo gioco da ala grande e da pivot e uno dei miei punti di forza è l’atletismo. Dalle prime chiacchierate con coach Serra ho capito che giocherò spesso da centro e non vedo l’ora di iniziare questa nuova e stimolante avventura”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basket, la Rekico inaugura il mercato con l'arrivo di Marco Morara

RavennaToday è in caricamento