Sabato, 16 Ottobre 2021
Sport Faenza

Calcio a 5, la Nazionale a Faenza per un test match contro la Romania

"Per la nostra città è un onore e una grande occasione", ha affermato Giovanni Malpezzi, sindaco di Faenza

Mercoledì sera la Nazionale Italiana di futsal scende in campo contro la Romania nella prima di due amichevoli che si giocheranno in Emilia Romagna, il 'battesimo stagionale' degli Azzurri dopo il Mondiale giocato a settembre in Colombia. A Faenza si inizierà alle 20.30, mentre a Imola, il giorno dopo, si giocherà alle 18.30: ingresso gratuito e diretta streaming sul sito della Divisione Calcio a cinque per entrambi gli incontri.  “Per la nostra città è un onore e una grande occasione - ha affermato Giovanni Malpezzi, sindaco di Faenza -. Ospitare la Nazionale italiana di futsal è un riconoscimento per Faenza. Abbiamo una squadra, il Faventia, che sta facendo bene in Serie B e questo movimento cresce sempre di più nel nostro territorio. Ringrazio la Divisione e saremo presenti con la nostra passione per sostenere questa gara”.

Fabrizio Tonelli, presidente della Divisione Calcio a cinque, ha ringraziato Faenza e Imola per l’ospitalità: "Ci hanno messo a disposizione impianti di altissimo livello. Porto anche il saluto del presidente della Figc Carlo Tavecchio. Il calcio a cinque è una realtà consolidata nel territorio italiano e in questi 20 anni si è radicato su tutto il nostro territorio". Poi, Tonelli si è concentrato sul settore giovanile: "Continueremo a investire come abbiamo fatto negli ultimi 5 anni, per implementare un livello giovanile di quantità e di qualità. Sono certo che il futsal, a livello giovanile, può essere propedeutico al mondo del calcio. E’ un periodo nuovo che si apre per la nostra Nazionale, quello che si inaugura qui a Faenza. Ad aprile disputeremo il girone di qualificazione per gli Europei. Ci sarà da competere perché il calcio a 5 sta crescendo anche a livello europeo. Ci sono 47 squadre su 54 federazioni della Uefa che praticano il futsal". 

Il nuovo ciclo per la Nazionale azzurra si apre sempre con Menichelli in panchina. “Saranno due gare difficili per due motivi: la consistenza dell’avversario e le condizioni nelle quali le giochiamo. La Romania ha quasi sempre giocato le fasi finali dell’Europeo e gli equilibri sono sempre più sottili in campo internazionali”. Poi, Menichelli ha parlato della nuova Nazionale. “Chiaramente questa è una squadra diversa da quella che è uscita dall’Europeo ai quarti e dal Mondiale agli ottavi. E sono due risultati negativi, ma se prendiamo in esame le partite giocate nel 2016, ne abbiamo vinte 13 e perse soltanto due. Quelle da dentro o fuori. E questo, comunque, non va bene”. Il Ct si tuffa verso il futuro con questa nuova Nazionale. “A mio avviso va invertita la rotta rispetto a una squadra cui bisogna guardare con ammirazione e ringraziare. Io non smetterò mai di farlo, è la squadra che ci ha portato a vincere l’Europeo ad Anversa. Spesso si cerca di dare un giudizio a un gruppo di lavoro in relazione alle vittorie. Ma ci tengo a mettere in risalto cose diverse rispetto alle coppe o alle medaglie vinte. Abbiamo portato simpatia dentro ai palazzetti sempre pieni, formando giocatori nati in Italia. Oggi molti di loro non ci sono e io devo fare un gruppo di lavoro diverso. Questo non significa che chi ha partecipato alle ultime gare non possa continuare a far parte della squadra. Noi, però, dobbiamo guardare a un orizzonte più ampio per valutare forze nuove. I nostri allenamenti saranno le partite e faremo il massimo per superare le difficoltà”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio a 5, la Nazionale a Faenza per un test match contro la Romania

RavennaToday è in caricamento