Martedì, 15 Giugno 2021
Sport

L'OraSì è corsara a Piacenza e si qualifica matematicamente ai playoff

Con la contemporanea sconfitta di Cento a Mantova infatti, le quattro migliori del gruppo sono Trapani, Mantova, Pistoia e l'OraSì

Obiettivo raggiunto in una stagione complicata. Ravenna espugna il PalaBanca di Piacenza 74-80 e si aggiudica il pass per i playoff. Con la contemporanea sconfitta di Cento a Mantova infatti, le quattro migliori del gruppo sono Trapani, Mantova, Pistoia e l'OraSì, l'esatto ordine verrà stabilito nella prossima e ultima giornata del girone azzurro. Nonostante un grandissimo Carberry (26 punti, top scorer), ad avere il meglio è il collettivo dei romagnoli, guidati in particolar modo da Rebec (16), Cinciarini (14) e una “doppia-doppia” per Oxilia (11 punti e 10 rimbalzi con 5 assist). Prossimo appuntamento domenica al Pala Costa contro Trapani (ore 12) per l’ultimo turno del girone azzurro.

"Siamo stati davvero bravi - esulta coach Massimo Cancellieri -. Pur non giocando sempre una bella pallacanestro e tra tante difficoltà abbiamo conquistato i play off. Per come sono andate le cose è un traguardo importante e onestamente ci prendiamo tutta la felicità e ce la teniamo dentro lo spogliatoio. È stata un’annata davvero complicata all’interno, non solo per il Covid. Tante cose potevano andare in un altro modo e non sono andate e spesso siamo stati lasciati soli. Questa cosa mi ha seccato molto, però ringrazio chi ci ha lasciati da soli perché ci ha permesso di compattarci e fare un finale di stagione di tutto rispetto".

"Negli ultimi quattro mesi abbiamo tenuto un ruolino di marcia importante e solo lo sfortunato 0-2 con Chieti ci ha tolto dall’altro girone, quindi i complimenti vanno al gruppo, che è riuscito a compattarsi dopo un inizio complicato - prosegue l'allenatore -. Per prima cosa cercheremo di recuperare le energie per provare a fare un primo turno che ci possa dare ancora delle soddisfazioni, provando a giocare una pallacanestro diversa, migliore. Mi secca affrontare i play off come se fossero il traguardo. Qualunque sia il nostro avversario dobbiamo vendere cara la pelle, che non significa partire battuti, ma provare a vincere. Poi se non ci riusciamo saremo felici lo stesso”.

La partita

Si scaldano forte le due formazioni, cominciando con una tripla a testa, firmate Carberry e Rebec. Il numero 0 dell'OraSì ancora dalla distanza firma il pareggio, poi Oxilia al 4' porta per la prima volta in vantaggio i romagnoli. Gli ospiti trovano un break di 5, come i punti di vantaggio (8-13). Piacenza ristabilisce prontamente la parità, il primo quarto si chiude con entrambe le formazioni a 20 punti. Il primo timeout del match lo spende Cancellieri al 12', sul 26-24. Chiumenti anticipa la tripla di Gajic, poi gli emiliani si portano sul +5 e spingono Ravenna al secondo timeout, a 18'29''. Givens insacca due tiri liberi, poi Maspero con una bomba pareggia il risultato. Anche il secondo quarto si chiude dunque all'insegna dell'equilibrio, con un parziale di 37-37. 

Rebec e Chiumenti portano i giallorossi sul +4, il massimo vantaggio passa dalle mani di Oxilia che, dopo cinque punti consecutivi, firma il 41-49. Grandissima tripla di Rebec, che regala la doppia cifra di vantaggio a Ravenna. Carberry prova ad accorciare lo svantaggio con due liberi insaccati, ma Denegri risponde con un tiro da 3. Dopo 30', il tabellone dice 51-59. L'Assigeco si riavvicina pericolosamente agli ospiti, che spendono il timeout sul 57-59. Givens e Cinciarini permettono ai giallorossi di tornare a respirare, ma Cesana con una bomba fa -1 e anticipa il libero del 68-68 di Massone. Cesana trova poi la tripla del +1, ma Rebec risponde alla stessa maniera. Oxilia e Cinciarini insaccano una bomba ciascuno, ipotecando il trionfo, che poi arriva per il finale 74-80.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'OraSì è corsara a Piacenza e si qualifica matematicamente ai playoff

RavennaToday è in caricamento