Bagnacavallo, alle Cappuccine l'incontro sulla perdita di memoria nell'anziano

"Mi ricordo" raccoglie gli appunti quotidiani di un figlio, il professore Claudio Conti, che ha vissuto la progressiva demenza dei suoi genitori

Venerdì alle 20.30 la sala didattica del centro culturale Le Cappuccine, a Bagnacavallo, ospiterà l’incontro Diamo voce a chi dimentica – La perdita di memoria nell’anziano, durante il quale sarà affrontato il tema delle malattie neurodegenerative e in particolare dell’Alzheimer attraverso la testimonianza contenuta nel libro Mi ricordo, scritto da Claudio Conti e pubblicato dalla casa editrice Bacchilega di Imola.

A intervenire saranno Franco Stefani, geriatra dell’Ospedale di Lugo, Pierluigi Ravagli, amministratore unico dell’Asp dei Comuni della Bassa Romagna, Miriam Di Federico del Dipartimento Cure primarie e Medicina di comunità di Ravenna e Ada Sangiorgi, assessore alle Politiche sociali del Comune di Bagnacavallo. Sarà presente la dirigente dell’Area Welfare dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna Carla Golfieri. Durante la serata i lettori volontari della biblioteca Taroni leggeranno alcuni brani del libro di Claudio Conti. Ci saranno poi interventi dei rappresentanti dell’associazione Alzheimer di Lugo. L’iniziativa è promossa dal Comune in collaborazione con Unione dei Comuni, Pro Loco, centro sociale Amici dell’Abbondanza, Spi Cgil e associazione Alzheimer “Diamo voce a chi dimentica”.

"Mi ricordo" raccoglie gli appunti quotidiani di un figlio, il professore Claudio Conti, che ha vissuto la progressiva demenza dei suoi genitori. L’assistenza al padre e alla madre fa riaffiorare nell’autore alcuni ricordi ben netti, sparsi negli anni di un’infanzia povera ma felice trascorsa a Spazzate Sassatelli, una piccola frazione del comune di Imola ma terra di confine con la provincia di Ravenna e di Ferrara. Dopo la morte del padre, la madre ha aperto gli sportelli della memoria della sua giovinezza ma, sotto la spinta di una subdola e feroce demenza che l’ha sprofondata in un abisso, ha perso la cognizione del presente, per trovare rifugio nel suo passato rurale, dove episodi e personaggi escono come un cuculo dall’orologio a pendolo. La sala didattica è in via Vittorio Veneto 1/a. Un incontro analogo si terrà poi giovedì 21 marzo sempre alle 20.30 a Villanova di Bagnacavallo, presso la Sala Blu del Palazzone, in piazza Lieto Pezzi.
 

Potrebbe interessarti

  • Benefici ed effetti collaterali dello zenzero

  • Scuole medie: ecco l'elenco degli istituti secondari di I grado del comune di Ravenna

  • Biblioteche a Ravenna: elenco, contatti e informazioni

  • Come pulire il forno a microonde con prodotti naturali

I più letti della settimana

  • Estate maledetta sulle strade, nuova sciagura: centauro muore in uno scontro con un'auto

  • Ennesima sciagura sulle strade: spezzata un'altra giovane vita

  • Paura in spiaggia: uomo rischia di annegare mentre fa il bagno

  • Il primo tentativo era fallito, tenta di suicidarsi annegando: nuovo provvidenziale salvataggio

  • Scontro frontale tra auto: tre feriti, grave un trentenne

  • La vittoria sulla malattia, il cantante "Titta" annuncia: "Sono guarito"

Torna su
RavennaToday è in caricamento