A Faenza messa in onore della Virgo Fidelis patrona dell'Arma dei Carabinieri

Il 21 novembre è una data significativa per l'Arma che ricorda anche il 79° anniversario della “Battaglia di Culqualber” durante la quale fu scritta una fulgida pagina nella storia dei Carabinieri

Stamattina, 21 novembre alle ore 10.30, nella Chiesa Parrocchia del Santissimo Crocifisso dei Frati Minori Cappuccini Padre Giorgio Busni ha celebrato la Santa Messa in onore della Virgo Fidelis, patrona dell’Arma dei Carabinieri.

Il 21 novembre è una data significativa per l'Arma che ricorda anche il 79° anniversario della “Battaglia di Culqualber” durante la quale fu scritta una fulgida pagina nella storia dei Carabinieri. Una battaglia lontana nel tempo e nello spazio che vide il consapevole sacrificio di un intero battaglione di Carabinieri durante la campagna d'Africa nella seconda guerra mondiale per cercare di mantenere un caposaldo militare. Il ricordo travalica il fatto d'arme ma vuole sottolineare i valori di sacrificio, amor di patria e fedeltà alla missione affidatagli che animò quei militari.

Nella stessa occasione è stata celebrata anche la giornata dell’orfano, istituita nel 1996, che rappresenta per i Carabinieri e per l'ONAOMAC (Opera Nazionale Assistenza Orfani Militari Arma Carabinieri, che quest'anno celebra il 72° anniversario dalla sua fondazione) un concreto momento di vicinanza alle famiglie dei colleghi scomparsi ed un momento di raccoglimento in ricordo di coloro che hanno perso la vita in servizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto contro un albero: perde la vita un giovane di 22 anni

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Vivere in montagna, l'opportunità diventa realtà per 341 giovani coppie e famiglie

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

Torna su
RavennaToday è in caricamento