Lido di Dante, arrivano i primi massi anti-mareggiata: partono i lavori

L’intervento, finanziato da Eni, del valore di 2 milioni di euro, prevede la ricalibratura, l’allargamento ed il rinforzo sia sul lato mare che sul lato a riva della difesa semi sommersa in massi esistente

A bordo di due pontoni e di una nave sono arrivati a Lido di Dante i primi quantitativi di massi (ne sono previste circa 73.000 tonnellate di natura calcarea del peso da 1.000 a oltre 3.000 chilogrammi ciascuno) che verranno utilizzati per un intervento di protezione del litorale e dell’abitato di Lido di Dante. L’intervento, finanziato da Eni, del valore di 2 milioni di euro, prevede la ricalibratura, l’allargamento ed il rinforzo sia sul lato mare che sul lato a riva della difesa semi sommersa in massi esistente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Verranno inoltre rinforzati i due pennelli laterali che collegano le attuali scogliere soffolte alla spiaggia, in modo da garantire una adeguata protezione laterale dalle mareggiate e contestualmente limitare le correnti in uscita dell’intero sistema di scogliere. Compatibilmente con le condizioni meteomarine, si conferma l’obiettivo di terminare i lavori con l’avvio della stagione balneare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anziano fermato in un controllo 'anticoronavirus': "Io continuo a fare quello che mi pare"

  • Coronavirus, pesante aumento nel ravennate: 64 nuovi contagiati e un decesso

  • Coronavirus, 38 nuovi casi nel ravennate: gli infetti salgono a 489

  • Coronavirus, ecco il nuovo decreto: tutte le novità su spostamenti, lavoro e multe

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

  • Terrore in strada: spoglia una donna e la palpeggia, minore denunciato per violenza sessuale

Torna su
RavennaToday è in caricamento