rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca

Ladro di bici in manette: bloccato a 500 metri di distanza dai Carabinieri

Un tunisino di 35 anni, già noto alle forze dell'ordine e senza fissa dimora, è stato arrestato martedì dai Carabinieri della stazione di Marina di Ravenna per furto

Ha rubato da uno stabilimento balneare una bici da 3mila euro. Un tunisino di 35 anni, già noto alle forze dell'ordine e senza fissa dimora, è stato arrestato martedì dai Carabinieri della stazione di Marina di Ravenna per furto. A chiedere l'intervento del 112 è stato il proprietario della struttura rivierasca, specificando che la bici si trovava all’interno di una zona recintata ad uso esclusivo del proprietario del lido.

Gli uomini dell'Arma, dopo aver ascoltato sommariamente l’andamento dei fatti e raccolta la descrizione del mezzo, immediatamente si sono lanciati nelle ricerche del ladro. La conoscenza del territorio e la scrupolosa attenzione dei militari ha permesso, nel volgere di breve tempo, di identificare l’autore del reato in uno stradello retrodunale. L’attenzione dei militari è stata attirata proprio da quel modello di bicicletta tanto appariscente da far sembrare inverosimile che il conducente fosse il reale proprietario.

Immediatamente è stato fermato ed identificato, a distanza di circa 500 metri dal lido, il cittadino tunisino che aveva commesso il furto solo pochi minuti prima. Si tratta di un uomo con precedenti penale anche specifici, sulla carta residente a Ferrara ma di fatto senza fissa dimora. Dopo l'arresto è stato processato per direttissima e condannato a 5 mesi di reclusione e 200 euro di multa. Il denunciante, invitato al comando stazione di Lido Adriano, ha riconosciuto senza dubbio la bici. I militari hanno dunque proceduto, dopo le verifiche opportune, a riconsegnare la bicicletta al legittimo proprietario, tra i ringraziamenti e la grande soddisfazione di quest’ultimo.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladro di bici in manette: bloccato a 500 metri di distanza dai Carabinieri

RavennaToday è in caricamento