I volontari di Enpa sistemano il canile a loro spese

Enpa ha chiesto all’amministrazione di poter provvedere autonomamente a far posizionare un’ombreggiante lungo tutto il tratto di rete posizionato da chi aveva effettuato i lavori di manutenzione

A seguito di un crollo parziale del muro di cinta del canile comunale di Ravenna, nello scorso mese di dicembre l’amministrazione comunale aveva fatto avviare i lavori per la sistemazione della zona interessata, disponendo l’aggiustamento del lato sud-ovest della struttura. L’intervento non ha previsto un rifacimento per ricreare una situazione uguale a quella antecedente al crollo, bensì ha provveduto a posizionare una rete alta di recinzione.

"Con una simile realizzazione era sorto un inconveniente - spiegano i volontari di Enpa Ravenna - ovvero quello che dall’esterno chiunque avesse a transitare lungo la strada e nei paraggi della stessa potesse vedere perfettamente all’interno del canile. In questo modo i box dei cani, l’area di sgambamento e talune parti strutturali riservate apparivano come esposte in vetrina, un fatto assolutamente sconveniente e anche dannoso, poiché avrebbe potuto indurre i curiosi e/o i malintenzionati a sbirciare nei luoghi più privati del canile. Di questo aspetto avevamo informato l’amministrazione invitandola a provvedere affinchè dall’esterno non fosse possibile a tutti vedere quanto avviene all’interno del complesso. La risposta che ci era stata reiteratamente fornita negava ogni intervento nella direzione da noi richiesta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A questo punto Enpa ha chiesto all’amministrazione di poter provvedere autonomamente a far posizionare un’ombreggiante lungo tutto il tratto di rete posizionato da chi aveva effettuato i lavori di manutenzione. "A nostre spese, nei primi giorni di marzo, grazie al lavoro dei nostri volontari abbiamo reso più decoroso e riservato l’aspetto del canile - concludono da Enpa - non tanto perché vi sia qualcosa da “nascondere”, ma perché in tal modo il lavoro dei volontari all’interno della struttura sia più sereno e tranquillo e perché i cani non si innervosiscano e si stressino ad abbaiare contro qualsiasi movimento possa apparire lungo la strada".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Il Coronavirus torna nelle case di riposo: positivi 14 anziani e 3 oss

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento