rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cronaca

Il "Guercino" rientra al Mar e si "restaura" in pubblico

Le operazioni, a carattere eccezionale data l'eccezionalità del prestito, saranno condotte alla presenza del pubblico che ha la possibilità di assistere all'evento diventando per un giorno testimone di una pagina di storia

E’ atteso per giovedì intorno alle 15.30, il rientro di Guercino (Cento 1591 – Bologna 1666) nelle collezioni del Mar, dopo la trasferta a Piacenza per la mostra “Guercino tra sacro e profano”, che si è tenuta a Palazzo Farnese, in Cappella Ducale, nell’ambito dell’Evento Guercino. La mostra, che ha goduto di grande credito internazionale, è stata promossa da Comune di Piacenza, Musei civici di Palazzo Farnese, Diocesi di Piacenza-Bobbio e Fondazione di Piacenza e Vigevano, per celebrare il pittore centese nella ricorrenza del quarto centenario dei lavori compiuti per la cattedrale di Piacenza, tra il 1626 e il 1627. La grande pala ravennate, dedicata a San Romualdo, fu commissionata nel 1640 dai monaci di Classe, per l’altare maggiore della omonima chiesa, grazie alla mediazione dell’architetto Luca Danese, al quale si deve il progetto della chiesa. In occasione dell’intervento di riordino della Loggia Guidarello, con la temporanea chiusura al pubblico della Collezione Antica (grazie al contributo regionale – Piani Museali 2016 – L.R. 18/2000), Comune di Ravenna, Assessorato alla Cultura e Museo d'Arte della Città hanno accolto con favore la richiesta di prestito di uno dei capolavori delle civiche collezioni, sulla base di un progetto scientifico altamente qualificato. Dopo l’intervento conservativo sostenuto dagli enti promotori e affidato alle mani esperte di Sandro Salemme di Imola, sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, e la direzione di Alberta Fabbri, conservatrice del Mar, il dipinto torna dai trionfi piacentini accresciuto nel prestigio come accade ogni volta che gli studi registrano un avanzamento nelle conoscenze.

“Siamo particolarmente lieti di avere sostenuto l’Evento Guercino, – dichiara l’assessore alla cultura Elsa Signorino – con il prestito del nostro San Romulado in un concorso virtuoso, e di mutuo interesse, alla valorizzazione del Genio di Cento che, con il suo pennello, ha sedotto le corti dell’Europa intera. Ed è con orgoglio che possiamo affermare di avere contribuito a un’occasione di valorizzazione che rimarrà documentata, grazie al catalogo, nei più importanti musei del mondo". “Con questo prestito, – prosegue il direttore del Mar, Maurizio Tarantino –, il percorso di valorizzazione del patrimonio civico conservato presso il Mar si arricchisce di un appuntamento di alto profilo istituzionale e di qualificato impegno scientifico.” Al rientro, l’opera sarà sottoposta alle operazioni di rilevazione conservativa e alla ricomposizione dell’unità di tela e cornice che viaggiano separatamente a maggiore, reciproca, tutela. Le operazioni, a carattere eccezionale data l’eccezionalità del prestito, saranno condotte alla presenza del pubblico che ha la possibilità di assistere all’evento diventando per un giorno testimone di una pagina di storia, per l'occasione domani ai visitatori interessati ingresso omaggio al Museo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il "Guercino" rientra al Mar e si "restaura" in pubblico

RavennaToday è in caricamento