menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tassista abusivo, ma la cliente è una poliziotta: incastrato dalla Municipale

Una avvenente agente si è finita cliente e ha contattato l’uomo facendosi recuperare alla stazione di Castel Bolognese e portare in un’officina di Faenza

Nel pomeriggio di lunedì gli agenti della polizia locale dell’Unione della Romagna faentina hanno proceduto al sequestro di un veicolo e al ritiro della patente di guida nei confronti di un 49enne, in quanto sorpreso a esercitare abusivamente l’attività di tassista.

L’uomo, residente a Castel Bolognese, esercitava tale attività completamente in nero e senza alcun titolo abilitativo, riuscendo così a praticare prezzi inferiori ai tassisti regolari. Gli stessi, messi in difficoltà da tale forma di concorrenza sleale, avevano proceduto a presentare un esposto al Comando dei Vigili manfredi di via Baliatico a Faenza. Al seguito di ciò, sono partite indagini che hanno permesso di individuare l’uomo: i vigili sono riusciti a identificarlo in breve tempo e a scovare un suo annuncio in cui pubblicizzava la propria attività con tanto di contatto telefonico.

Gli agenti hanno quindi deciso di fare scattare una vera “trappola”. Così giovedì pomeriggio un'avvenente agente si è finita cliente e ha contattato l’uomo facendosi recuperare alla stazione di Castel Bolognese e portare in un’officina di Faenza, spiegando che doveva recuperare il proprio veicolo lì ricoverato. Giunti sul posto, i due hanno trovato una pattuglia ad attenderli; l’uomo ha tentato di giustificare la cosa dicendo che la ragazza a bordo era una sua amica, cui aveva dato un passaggio in forma gratuita. Anche la ragazza, invece, era un agente di polizia locale: il 49enne ha quindi dovuto ammettere quanto successo.

Nei suoi confronti sono quindi scattate le sanzioni amministrative previste tra cui il ritiro della patente di guida e il sequestro amministrativo del veicolo ai fini della confisca. La polizia locale continuerà anche nei prossimi giorni a controllare eventuali forme di abusivismo artigianale e commerciale al fine di tutelare sia gli esercenti onesti che i consumatori.

La soddisfazione di Cna

"Salutiamo con soddisfazione l’azione promossa dalla Polizia Municipale dell’Unione della Romagna faentina che, accogliendo una nostra segnalazione, insieme al gruppo Tassisti di Faenza, ha finalmente sorpreso una persona che svolgeva abusivamente l’attività di tassista”. E’ quanto affermano i dirigenti della Cna dell’Unione della Romagna faentina. “Vogliamo ringraziare il Comando e gli agenti della Polizia Municipale - prosegue la Cna - per l’attività che hanno svolto, attraverso la quale è stato possibile sanzionare chi svolge un’attività abusiva a danno delle imprese regolari e degli stessi cittadini. L’abusivismo nei tanti settori delle attività artigiane e commerciali contribuisce a determinare insicurezza e danno economico a chi, tutti i giorni, è impegnato a svolgere regolarmente la propria attività. Per questo abbiamo sollecitato la collaborazione delle forze di Polizia Municipale nell’azione di controllo del territorio e di verifica. Sulla base di quanto abbiamo sottoscritto nel Protocollo provinciale contro l’abusivismo, abbiamo provveduto anche recentemente a segnalare alle attività di vigilanza altre situazioni di attività abusive, per le quali ci auguriamo che vengano raggiunti gli stessi risultati. Auspichiamo, inoltre, che la collaborazione con le Forze dell’ordine veda anche il sostegno di tutta la comunità cittadina”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento