rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Faenza / Via Conte di Vitry

Nuova targa nella via, ma il cognome è sbagliato: la foto diventa virale

La cosa non è sfuggita ai passanti, che hanno notato come nella targa toponomastica fosse riportato un errore

Una piccola svista che è subito diventata virale sui social tra i faentini. Qualche giorno fa a Faenza è stata cambiata la targa di via Conte di Vitry, nel lato che dal parco del Tondo porta verso via Paradiso. La cosa non è sfuggita ai passanti, che hanno notato come nella targa fosse riportato un errore: al posto di "Vitry", infatti, è stato scritto "Virty". La foto del cartello ha iniziato a circolare sui social, tra battute e richieste di spiegazioni. Dall'ufficio toponomastica della Romagna faentina spiegano che effettivamente si tratta di un errore e che il cartello verrà corretto e sostituito al più presto.

Ma chi era il Conte di Vitry? Nel 1080 i faentini erano in guerra con Ravenna. Il primo maggio i ravennati invasero la campagna vicino a Faenza e tagliarono un albero di Cesarolo, a poca distanza dalla città. I faentini non osavano uscire a battaglia, quando in loro soccorso giunse un cavaliere francese - il Conte di Vitry - con cinquecento cavalieri che, unitosi ai faentini, sbaragliò i ravennati. Il Conte non volle accettare la signoria della città e donò ai faentini due stendardi presi ai ravennati e ripartì coi suoi uomini. Gli stendardi furono portati nella chiesetta di San Sigismondo, fuori Porta Montanara, dove li portavano in piazza tutti gli anni il primo maggio per la festa del santo, chiamata la “Festa degli Stendardi”. Nel 1969 i faentini riconsegnarono simbolicamente gli stendardi ai ravennati in segno di pace, ponendo una targa a ricordo dell’avvenimento nel parco Bucci, su cui sono raffigurate a rilievo la tomba di Teodorico di Ravenna e la fontana della piazza di Faenza.

Foto dal sito 'Amacittà'

faenza-targa-conte-vitry-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova targa nella via, ma il cognome è sbagliato: la foto diventa virale

RavennaToday è in caricamento