menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Oil&gas, il sindacato incontra il Roca: "Grave preoccupazione per tutto il settore"

Nel corso dell'incontro si è trattato lo stato di difficoltà in cui si trova il sistema produttivo dell’ oil&gas e le ricadute sul mondo del lavoro nel territorio ravennate

Il neo segretario della Ugl Chimici della Provincia di Ravenna, Luca Michieletti, nel suo giro d’incontri istituzionali ha incontrato Franco Nanni, presidente del Roca (Ravenna Offshore Contractors Association), l’associazione che raggruppa le imprese del distretto di Ravenna operanti nel settore offshore. Un organismo che nelle scorse settimane si era detto preoccupato dal contesto caratterizzato da Covid-19, blocco delle attività di prospezione e ricerca, crollo del prezzo del petrolio ed effetti del Pitesai, la legge sul Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee. Una situazione che costituisce “una grave preoccupazione per tutto il settore”.

In particolare, nel corso dell'incontro, si è trattato lo stato di difficoltà in cui si trova il sistema produttivo dell’ oil&gas e le ricadute sul mondo del lavoro nel territorio ravennate. Si è convenuto sulla necessità di operare con il sostegno del governo, delle istituzioni, delle forze politiche, delle associazioni imprenditoriali e sindacali e della comunità, affinché venga attivata una responsabile pianificazione di transizione energetica verso le fonti rinnovabili, che veda svolgere il ruolo importante e riconosciuto al gas naturale, utile anche alla produzione di idrogeno, combustibile pulito.

“Come si rileva da studi su modelli esistenti di sistemi economici e sociali, è possibile la convivenza tra il distretto dell’ oil&gas ed altri settori economici, quali il turismo, l’agricoltura e la pesca - spiega Michieletti - Questa progettualità deve avere come riferimento imprescindibile la sostenibilità ambientale, da coniugare con la produttività, prevedendo interventi per la prevenzione e la riduzione dei fattori di rischio per l’ambiente, come la cattura della C02, etc…”.

Secondo il sindacato Ugl e il Roca di Ravenna “bisogna evitare inutili alibi, posizioni prettamente ideologiche ed eccessi burocratici, e per l’inspiegabile eccessiva frettolosità, di scaricare i costi sociali sugli operatori, con la conseguente perdita di posti di lavoro e su tutto l’indotto. Anche perché il mancato positivo apporto economico del comparto rischierebbe di creare ulteriore assistenzialismo, accrescendo inevitabilmente il debito pubblico”.

Luca Michieletti e Franco Nanni concordano che “il sostegno della produzione nazionale di gas naturale (che soddisfa circa il 6 % della domanda italiana), con la ripresa dell’attività di coltivazione dei giacimenti, permetterebbe di scongiurare il forte declino degli assets maturi, superando un punto di non ritorno, sollevando l’occupazione del settore e contribuendo alla crescita economica del paese”. “L’adagiarsi alla sola importazione è causa di una costosa dipendenza energetica dall’estero, tra l’altro più impattante per l’ambiente e meno proficua in termini di posti di lavoro. Per chi è il vantaggio?”, chiede il segretario della Ugl Chimici della Provincia di Ravenna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Come dare nuova vita al giardino con il Bonus Verde 2021

Attualità

Torna l'iniziativa "Parliamo della mia salute": gli incontri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento