Il pianista Ezio Bosso suonerà a Cervia: concerto il 23 luglio in Piazza Garibaldi

Bosso (pianista, compositore e direttore d'orchestra) dal 2011 convive con una malattia neurodegenerativa progressiva

Ezio Bosso, uno dei più rinomati compositori e direttori d’orchestra a livello internazionale, si esibirà a Cervia sabato 23 luglio in Piazza Garibaldi. Questo sarà l’unico concerto in Riviera che il musicista terrà nell’estate 2016. I biglietti in vendita da lunedì (informazioni e prevendite Pulp concerti 0541785708). "Il cartellone dell’estate cervese vedrà molteplici iniziative culturali, musicali e di intrattenimento - afferma l'assessore alla cultura, Roberta Penso -. Ezio Bosso è una delle eccellenze nel panorama musicale internazionale e il suo concerto unico nella nostra riviera, ci lusinga e ci riempie di soddisfazione. Ritengo che Ezio oltre ad essere un incredibile pianista, direttore d’orchestra e compositore, sia uno straordinario esempio di determinazione e di forza vitale, una testimonianza di come sia possibile sfidare la sofferenza della malattia, regalando la propria arte con la gioia e l’entusiasmo del vivere. E’ anche per questo che la scelta di Cervia ci rende ancora più orgogliosi".

Bosso (pianista, compositore e direttore d'orchestra) dal 2011 convive con una malattia neurodegenerativa progressiva. Recentemente ha commosso per la sua esibizione al Festival di Sanremo. Nato a Torino ha studiato Composizione e Direzione d’Orchestra all’Accademia di Vienna arrivando a dirigere alcune delle più importanti orchestre internazionali come la London Symphony Orchestra, The London Strings, l'Orchestra del Teatro Regio di Torino e l'Orchestra dell'Accademia della Scala. Ha composto musica classica, colonne sonore per il cinema (per “Io non ho paura” di Salvatores, per “Rosso come il cielo” di Bortone), per il teatro (per registi come James Thierrèe) e la danza (per coreografi come Rafael Bonchela) fino a scrivere sperimentazioni con i ritmi contemporanei. Si esibisce con il suo “amico” Pianoforte Gran coda Steinway& Son della collezione Bussotti-Fabbrini, appositamente preparato sulle specifiche del Maestro da Piero Azzola, e utilizza uno sgabello versatile e di supporto, chiamato “12” e nato dalla collaborazione con l’architetto Simone Gheduzzi di Diverse Righe Studio.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Maxi festino nascosti in casa tra assembramenti e droga: 34 ragazzi nei guai

  • Travolto mentre attraversa in pieno centro: portato in ospedale in elicottero

  • A 26 anni 'sfida' il Covid e apre una pizzeria: "Faremo una pizza 'diversamente napoletana'"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento