menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raduno Nazionale dei Marinai d’Italia, il programma di lunedì e martedì

Nuova giornata al XIX Raduno Nazionale dei Marinai d’Italia, che si sta svolgendo in vari luoghi della città e che ha come fulcro la “Cittadella del mare” alla Darsena

Nuova giornata al XIX Raduno Nazionale dei Marinai d’Italia, che si sta svolgendo in vari luoghi della città e che ha come fulcro la “Cittadella del mare” alla Darsena. Qui ogni giorno saranno attivi gli stand gastronomici della Campaza (cucina di mare e di terra,tutti i giorni dalle 18.30 alle 23, domenica 10 anche dalle 12 alle 15.30), il “Fellini in Darsena” con aperitivo buffet e after dinner tutti i giorni alle ore 18.30, mentre il ristorante Alchimia con la motonave New Ghibli offrirà cucina di mare anche da asporto tutti i giorni dalle ore 17 a partire da lunedì.

Il programma di lunedì si apre alle ore 9.30 tra la sede a mare dell’ANMI a Marina di Ravenna e la Sala Consiliare del Comune di Ravenna per la Riunione nazionale delle Capitanerie di Porto, indetta dal Comando Generale delle Capitanerie di Porto. Proseguono in Darsena di Città (dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19) le visite alla Galatea, nave idro-oceanografica aperta al pubblico. Sempre a Ravenna (ore 14,30), alla Sala Conferenze del Dipartimento Beni Culturali, in via degli Ariani, 1 (al 3° piano), si svolge il convegno internazionale “Il porto e la base navale dell’Impero. Il potere di Roma e il Mediterraneo”, a cura dell’Università di Bologna sede di Ravenna.

Si tratta della prima sessione, che tratterà de “I porti occidentali dell’Alto Adriatico (Villanova, Spina, Adria) e la nascita del Porto di Ravenna tra storia della navigazione e archeologia”. Dalle 15 alle 16 Giuseppe Sassatelli e Andrea Gaucci, entrambi dell’Università di Bologna, parleranno de “L’Adriatico in età pre-romana: porti e commerci”, mentre alle 16.30 Anna Chiara Fariselli, sempre dell’Università di Bologna, tratterà di “Cartagine e l’Adriatico: mercati e obiettivi strategici punici dal VI al III sec. a.C.”.

Alle ore 19,30 ci si sposta alle Artificerie Almagià per “Il rancio di bordo: da Noè alle portaerei”, conversazione del Contrammiraglio Alessandro Pini, mentre poco lontano, alla Cittadella del Mare in darsena, ecco alle 20.30 la “Cena storica” (a cura del ristorante La Campaza): a tavola con la Regia Marina, cena riservata agli Interclub Propeller, Rotary e Lions. Il clou della serata è, infine, “Il lavoro del porto”, lo spettacolo di Ivano Marescotti che si terrà alle 21.30 sul palco spettacoli alla Cittadella della Darsena. Ivano Marescotti è ospite del Raduno con uno spettacolo incentrato sul lavoro al porto, che sarà preceduto e seguito dalla proiezione su maxi-schermo di un video sui lavoratori portuali.

L’attore di Bagnacavallo adopererà il suo talento, la voce e il carisma per dare una chiave di lettura emozionante, ma come di consueto anche ironica, a un lavoro complesso e spesso pericoloso come quello al porto, in tutte le sue declinazioni, che va dall’ingresso della nave con il ruolo del pilota, al traino dei rimorchiatori fino all’ormeggio e, quindi, al   lavoro sulla banchina. L’iniziativa è promossa da Cooperativa Portuale di Ravenna, Gruppo Ormeggiatori del Porto, Corpo dei Piloti del Porto, SERS – Rimorchiatori.

MARTEDI' -  Sono due convegni internazionali ad aprire questo martedì. Il primo, alle ore 9.30 nella Sala dell’Autorità Portuale, ha una prima sessione dal titolo “La strategia adriatico-jonica e la nuova fase di programmazione europea 2014-2020”, e una seconda sessione (ore 14.30) dal titolo “I progetti Futurmed, EA Sea Way e Easy Connecting e le nuove idee sulla mobilità marittima nell’area mediterranea per i programmi MED, Adrion e Italia-Croazia”. Il secondo convegno è “Il porto e la base navale dell’Impero. Il potere di Roma e il Mediterraneo”, a cura dell’Università di Bologna sede di Ravenna, che prosegue alla Sala Conferenze del Dipartimento Beni Culturali con altre due sessioni.

La prima (“Il Porto e la Base navale dalle origini all’Età imperiale”), dalle 9.30 alle 10.30, vedrà il relatore Dario Giorgetti dell’Università di Bologna trattare de “I classiari ravennati tra storia e iconografia”, la seconda (“L’acmé e il declino”) propone gli interventi di Antonio Carile dell’Università di Bologna dal titolo “Ravenna, Bisanzio e il mare” (ore 10.45) e di Domenico Carraro, “Deceris Liburnicae, le colossali navi imperiali della flotta di Ravenna” (ore 15). Proseguono in Darsena di Città (dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19) le visite alla Galatea, nave idro-oceanografica aperta al pubblico, e sempre a Ravenna ecco la messa a dimora di quattro alberi “marinari” alle ore 10.30 in viale Farini.

Nel tardo pomeriggio, alle 18, la sala dell’Autorità Portuale ospita poi “Ravenna Capitale di tre Imperi”, una conversazione con Paola Novara. Il clou della giornata è però “Pazzi di Jazz”, alle ore 21 sul palco spettacoli della Cittadella del Mare, con Tommaso Vittorini, Ambrogio Sparagna, Paolo Fresu e Alien Dee. Il concerto, che coinvolgerà 250 giovanissimi musicisti, rappresenta il momento culminante e conclusivo della seconda edizione di “Pazzi di Jazz”, progetto che nei tre mesi scorsi ha introdotto questa musica in numerose scuole di Ravenna.

Sul palco, i quattro prestigiosi insegnanti si esibiranno dunque in veste sia di solisti che di direttori delle varie compagini strumentali e corali delle scuole coinvolte. “Pazzi di Jazz” sarà dedicato a Frank Sinatra, in occasione del centenario della sua nascita: “Fly Me To The Moon”, una delle sue più celebri canzoni, dà infatti il titolo alla serata, che comprenderà, oltre a questo, altri brani famosi del repertorio jazzistico (ma non esclusivamente, visto che si andrà da “That’s Amore” a “Walking on the Moon” dei Police) sul tema della luna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento