rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Politica

Centri estivi, Ancisi (LpRa) indica le linee guida per potenziare e riorganizzare i Cre

Potenziamento e programmazione sono i primi due punti per il consigliere di Lista per Ravenna, oltre ai "ristori per il maggior costo dei Cre privati"

Venerdì si ferma l’attività dei Centri Ricreativi Estivi (CRE) comunali rivolti ai bambini fino ai 6 anni. Come ricorda il consigliere comunale Alvaro Ancisi, di Lista per Ravenna, all'avvio dei Cre quest'estate "si sono sollevate molte critiche e contestazioni. Si è infatti rivelato clamorosamente insufficiente il numero dei posti offerti e si sono registrati ritardi e disfunzioni". Per questo, Ancisi aveva già presentato un’interrogazione lo scorso  26 giugno, chiedendo di migliorare l’organizzazione dei Centri estivi.

"In vista dunque che, fin dal prossimo autunno, la riorganizzazione dei CRE diventi materia di auspicabile confronto politico tra la Giunta e il Consiglio comunale, all’interno della commissione consiliare 7 “Infanzia ed Istruzione”, Lista per Ravenna - prosegue Ancisi - dopo essersi rapportata con alcune rappresentanze dei genitori e del personale, pone sul tavolo di lavoro le seguenti proposte coordinate, trasmesse oggi stesso (lunedì, ndr) al sindaco, perché risponda in Consiglio comunale, e per conoscenza al presidente della commissione 7 Luca Cortesi".

Primo punto per il consigliere di Lista per Ravenna è il potenziamento dei Cre: "Occorre estendere i CREN e i CREM comunali, in modo da potenziare decisamente il numero dei posti bimbo. Quest’anno, i CREN aperti sono stati appena 7 rispetto ai 18 nidi aperti da settembre a giugno (in città 3 su 9) e i CREM 7 su 19 scuole per l’infanzia, ex “materne” (in città 3 su 7). Essendo gestiti da cooperative, dunque assai flessibili, l’operazione non dovrebbe essere complicata, tanto più se, previo accordo coi sindacati, si potrà disporre, nel mese di luglio, del personale educativo dipendente dal Comune stesso, occupato nei nidi e nelle scuole dell’infanzia. Maggiori opportunità, se e dove necessarie, potranno essere acquisite tramite convenzioni coi CREN e CREM privati".

Attenzione anche alla programmazione: "Quest’anno, la data ultima per la presentazione delle domande di accesso ai CRE comunali è stata il 24 maggio, troppo tardi per programmare, in relazione al monte delle richieste e considerando la disponibilità delle strutture private, il numero delle sedi pubbliche necessarie, coi relativi posti bimbo e le conseguenti esigenze di personale e di bilancio. Occorre perciò anticipare l’emissione del bando ai primi mesi dell’anno, ad esempio fissando il periodo di presentazione delle domande tra il 6 e il 24 febbraio. Le domande fuori termine saranno accettate con riserva di posto fruibile. Le graduatorie della presente stagione sono state pubblicate solo il 20 giugno, a pochi giorni dall’inizio dei CRE, angosciando le famiglie tagliate fuori, impossibilitate a gestire diversamente i propri figli. C’è stato un evidente sostanziale ritardo. Le graduatorie del prossimo anno dovrebbero uscire in aprile, che peraltro è il mese in cui la maggior parte dei CRE privati iniziano a pubblicare le loro offerte di servizio - aggiunge Ancisi - Pubblicate il 20 giugno le ammissioni ai CRE, le famiglie hanno avuto tempo fino a soli tre giorni lavorativi prima dell’avvio del turno per comunicare la rinuncia senza dover pagare niente. Un’assurdità, che dovrebbe essere rimediata consentendo di farlo, senza una penale almeno minima, solo entro due settimane dalla pubblicazione della graduatoria: cioè entro il mese di maggio, se pubblicata in aprile. Per una efficace programmazione del servizio, bisogna non incentivare le rinunce “facili” a costo zero, responsabilizzando le famiglie a compiere richieste consapevoli".

"Una buona parte dei bambini non ammessi ai CRE comunali hanno potuto trovare posto in quelli privati, pagando però rette comprensibilmente molto maggiori. Avendo chiesto, nell’interrogazione del 26 giugno, di studiare un sistema che, tenendo anche conto dei voucher offerti dalla Regione per i bambini 3-6 anni che frequentano CRE accreditati, pubblici e privati, venisse incontro alle famiglie, l’assessora Molducci mi ha scritto che potrebbe essere inserito “il criterio del reddito ISEE fra quelli che determinano le graduatorie per ammissioni ai posti comunali in modo che vi siano ammesse le famiglie con ISEE più basso”, soluzione che “dovrà essere valutata con i Sindacati”. Ciò non toglie - conclude Ancisi - che alle famiglie escluse, di livello economico non alto, il Comune ristori il maggior costo dei CRE privati, fino ad un massimo del 50%, sempre in proporzione al reddito ISEE".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centri estivi, Ancisi (LpRa) indica le linee guida per potenziare e riorganizzare i Cre

RavennaToday è in caricamento