Dopo le trivelle il Governo aumenta l'Ires ai concessionari portuali: "Ennesimo errore"

Morrone (Lega): "Dopo la mazzata al settore dell’oil&gas ravennate, il Conte bis si appresta ad aumentare del 3,5 per cento l’Ires ai concessionari portuali"

“Tasse e solo tasse. Il sodalizio giallorosso del Conte bis sta commettendo l’ennesimo tragico errore di spremere i contribuenti senza una strategia precisa, ma colpendo a caso settori trainanti, come quello della logistica, che dovrebbero, al contrario, essere sostenuti". A dichiararlo è Jacopo Morrone, parlamentare della Lega.

"Dopo la mazzata al settore dell’oil&gas ravennate, il Conte bis si appresta ad aumentare del 3,5 per cento l’Ires ai concessionari portuali, con ricadute pesanti che penalizzeranno anche il porto di Ravenna e la sua competitività nella movimentazione delle merci, un settore dove ci misuriamo con realtà internazionali sempre più forti e che, di conseguenza, necessiterebbe di investimenti per il rinnovamento delle infrastrutture - continua Morrone - Anche per questi motivi, non possiamo che considerare il Conte bis largamente insufficiente e pericoloso per il futuro del Paese, ma soprattutto ci chiediamo i motivi dei silenzi imbarazzati su questo tema del candidato alla carica di governatore dell’Emilia Romagna, l’uscente Stefano Bonaccini, che evita di confrontarsi con gli scivoloni del Pd di governo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nessun caso in Romagna, 17 in Emilia

  • Tutta la comunità di Classe in lutto: dopo una lunga malattia è morto Andrea Panzavolta

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Scossa di terremoto nel pomeriggio di domenica, il sisma avvertito distintamente nel ravennate

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nel riminese il primo caso in Romagna

  • Il titolare del negozio di via Corrado Ricci 'bloccato' in Cina: "Non usciamo di casa da un mese"

Torna su
RavennaToday è in caricamento