rotate-mobile
Politica

Insegnamento del mosaico, Consiglio comunale unito: "Ora muoviamoci"

"Siamo pronti, e lo faremo a chiedere il sostegno del Magnifico Rettore dell'Ateneo di Bologna, del presidente della Regione e dell'Assessore competente, del Ministro e del Sottosegretario ai quali chiediamo di incontrare una nostra delegazione", affermano dal Pri

Voto unanime martedì in consiglio comunale sull'ordine del giorno presentato dal Partito Repubblicano per salvaguardare l'insegnamento del mosaico a Ravenna. "Ci rendiamo conto che questa unanimità è importante per sostenere una causa sacrosanta che la storia della città ci chiede e che oggi non è rispettata dalla recente revisione delle classi di insegnamento delle scuole secondarie superiori - esordiscono i consiglieri comunali Chiara Francesconi e Giannantonio Mingozzi -. Istituti come il Liceo artistico e per altro verso l'Accademia di Belle Arti non possono essere private della formazione specifica degli insegnanti storicamente dediti alla disciplina del mosaico artistico, perché Ravenna possiede un patrimonio di esperienza didattica e di beni culturali che tutto il mondo apprezza e che anche il sistema scolastico e universitario deve riconoscere. Gli interlocutori principali da coinvolgere ancora una volta sono la Regione Emilia Romagna e la Conferenza Stato Regioni, il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione che esprime pareri obbligatori sugli indirizzi della didattica, il Consiglio Universitario Nazionale e il Miur".

"Ad avviso del Pri tutti questi enti debbono conoscere i motivi della rivendicazione ravennate e sarebbe bene che i parlamentari della Romagna e gli stessi Consiglieri Regionali assumessero questo diritto violato come priorità della loro presenza politica - proseguono Mingozzi e Francesconi -. Allora dobbiamo muoverci per sensibilizzare direttamente ogni organo competente formando delegazioni del Comune e degli insegnanti che presentino in quelle sedi la proposta di scorporare la Classe di insegnamento del mosaico da quella generica delle discipline pittoriche. Siamo pronti, e lo faremo a chiedere il sostegno del Magnifico Rettore dell'Ateneo di Bologna, del presidente della Regione e dell'Assessore competente, del Ministro e del Sottosegretario ai quali chiediamo di incontrare una nostra delegazione".

"In questo momento sentiamo la responsabilità e l'orgoglio di condurre una battaglia avvertita come fondamentale per la salvaguardia del patrimonio materiale e immateriale della nostra città; ci fa piacere che non solo tutto il Consiglio comunale abbia riconosciuto come essenziale questo obbiettivo ma anche docenti, ex docenti e studenti di ieri e di oggi che hanno investito il loro impegno sul mosaico e vogliono continuare ad esserne protagonisti - concludono -. È tutta la città che deve sentirsi coinvolta, compreso il mondo dell'economia e del lavoro affinché sia tutelato anche lo sviluppo delle aziende legate alla produzione delle opere artistiche in mosaico".

continua nella pagina successiva ===> GLI INTERVENTI DEI PARTITI

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insegnamento del mosaico, Consiglio comunale unito: "Ora muoviamoci"

RavennaToday è in caricamento