rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Politica

"Quella del ministro Martina alla Festa de L'Unità non sia la solita passerella"

"Mi auguro che l’arrivo del ministro Martina non sia la solita passerella come dei giorni scorsi". Esordisce così Federico Brandi, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale

"Mi auguro che l’arrivo del ministro Martina non sia la solita passerella come dei giorni scorsi". Esordisce così Federico Brandi, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale. “La Festa de L’Unità da anni ormai è una goliardia, dalle giostre ai giochi come la tombola, ma dovrebbe essere qualcosa di più che un parco d’intrattenimento: a Ravenna hanno la fortuna di ospitare ministri da sempre e non si sfrutta mai l’occasione di ottenere chiarimenti su ciò che accade nella vita quotidiana", attacca Brandi.

"La presenza del ministro Martina potrebbe dar luogo ad un interessante dibattito sull’Imu agricola che riguarda un potenziale di circa 5000 imprese sul territorio provinciale, si parla di 30/40mila ettari di terreno, una risorsa per l’economia locale - prosegue l'esponente di Fdi -. Il Partito Democratico con il decreto-legge 24 gennaio 2015, entrato in vigore il 26 marzo 2015, ha imposto che nei comuni totalmente montani la disciplina attuale prevede infatti l’esenzione totale, per quelli parzialmente montani l’esenzione è solo per i terreni posseduti e condotti da CD o IAP e per i terreni posseduti da CD o IAP e dati in fitto/comodato ad altri CD o IAP, mentre i terreni non montani sono tenuti al versamento integrale dell'Imu. Questa legge è stata fatta per fare cassa su un ramo dell’economia indispensabile e ormai distrutto".

"L’agricoltura costituisce oggi un baluardo nella difesa dell’eccellenza del nostro sistema agroalimentare e un presidio a tutela dei nostri territori, in ottemperanza a quella funzione sociale che la stessa Costituzione le riconosce. Per questi motivi riteniamo indispensabile proporre di ripristinare il previgente sistema di esenzioni dall’ IMU sui terreni agricoli, che aveva ottimamente funzionato per decenni. Questo è un appello diretto al ministro Martina: se ci tiene veramente al suo lavoro, e quindi a tutti gli agricoltori italiani, accolga la proposta di Fratelli d’Italia e revisioni, se non abroghi, questa Legge che ha il solo scopo di lucro", chiude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Quella del ministro Martina alla Festa de L'Unità non sia la solita passerella"

RavennaToday è in caricamento