rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Politica

"Reddito di autonomia e Sportello alimentare del cittadino nei primi sei mesi di mandato"

Massimiliano Alberghini detta l'agenda per le politiche di contrasto alla povertà in caso di elezione.

In tema di lotta alla povertà, il candidato sindaco Massimiliano Alberghini mette in evidenza  due progetti che punta a mettere in atto, in caso di elezione, nei primi 6 mesi di mandato. A partire dal 1° ottobre 2016 sarà operativo il Reddito di Autonomia, mentre entro dicembre 2016 si avvierà lo Sportello Alimentare Cittadino.
“Il Reddito di Autonomia e lo Sportello Alimentare Cittadino – commenta Massimiliano Alberghini – sono due proposte concrete pensate per dare una risposta alle troppe famiglie di ravennati che versano in situazioni di indigenza. Non abbiamo intenzione di perpetuare l’assistenzialismo costoso e parassita del Partito Democratico che ha causato solo buchi di bilancio senza risolvere il problema. Noi vogliamo aiutare chi davvero ha bisogno, offrendogli la possibilità di un futuro migliore e autonomo”.
Per quanto riguarda il Reddito di Autonomia, Alberghini spiega che “si tratta di un intervento ispirato al modello lombardo del governatore Maroni. Prevede misure integrate a favore di famiglie, anziani, disabili e disoccupati residenti nel Comune di Ravenna, e non la solita e incontrollata paghetta mensile che alimenta l'inefficiente sistema assistenzialista del PD. Per le famiglie con entrambi i genitori a basso reddito – continua il candidato sindaco -, saranno messe in campo azioni come il bonus famiglia a sostegno della maternità e gli asili nido gratis con azzeramento delle rette mensili per i nidi pubblici o per i posti convenzionati del privato sociale. Agli anziani e ai disabili assicureremo il 'voucher autonomia' che sarà declinato in un assegno mensile per un anno al quale si accede tramite un bando pubblico, mentre per sostenere i disoccupati avvieremo il Progetto di inserimento lavorativo (Pil) con un contributo finalizzato alla partecipazione a corsi di formazione, orientamento e riqualificazione professionale in grado di offrire concrete possibilità occupazionali. Siamo in grado di rendere operativo il Reddito di Autonomia a partire dall’1 ottobre 2016”.
Alberghini rilancia poi l’idea dello Sportello Alimentare Cittadino. “Si tratta di un servizio di raccolta e distribuzione di alimenti alle famiglie povere ravennati che opererà in rete con tutte le associazioni di volontariato del territorio. Gli alimenti – continua il candidato sindaco – saranno destinati alle famiglie con redditi sotto la soglia di povertà, regolarmente residenti nel Comune di Ravenna da almeno 5 anni. La gestione e il monitoraggio dello Sportello saranno in capo all’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune, mentre l’approvvigionamento del cibo e la consegna saranno svolti di concerto con le associazioni di volontariato tramite apposite convenzioni trasparenti. Puntiamo ad avviare la sperimentazione dello Sportello Alimentare Cittadino entro la fine del 2016”.

“Questi due interventi di contrasto alla povertà – conclude Massimiliano Alberghini – rientrano in una strategia che mira a togliere la gestione dei Servizi Sociali all’Asp per riportarla in capo al Comune a partire dal 2017. Chi dal PD propone soluzioni analoghe non può essere credibile, perché è stato lo stesso PD ad aver voluto i carrozzoni pubblici che sul welfare hanno creato solo montagne di debiti”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Reddito di autonomia e Sportello alimentare del cittadino nei primi sei mesi di mandato"

RavennaToday è in caricamento