Martedì, 15 Giugno 2021
Attualità

Col progetto 'PickApp Radio' le scuole coniugano musica, educazione e creatività

Una web radio che coniuga musica, educazione e creatività dedicata in particolare ad adolescenti e preadolescenti, ma con trasmissioni rivolte anche ai più piccoli, attraverso la stretta collaborazione con il mondo della scuola

Una web radio che coniuga musica, educazione e creatività dedicata in particolare ad adolescenti e preadolescenti, ma con trasmissioni rivolte anche ai più piccoli, attraverso la stretta collaborazione con il mondo della scuola. L’idea di realizzare PickApp Radio, in compartecipazione con il Comune di Ravenna – assessorato Pubblica istruzione e infanzia, è venuta al Quartetto Fauves APS, Associazione di promozione sociale, a marzo scorso quando i provvedimenti restrittivi, resisi necessari per il contenimento del contagio da Covid-19, hanno compresso drasticamente le occasioni di condivisione diretta della sfera emotiva tra giovani in età adolescenziale e pre-adolescenziale, esasperando ulteriormente situazioni di disagio individuale e sociale che possono manifestarsi in queste fasce delicate di popolazione.

Ed è proprio dalla natura sociale del quartetto d'archi che nasce questo progetto volto a promuovere la propria attività intesa come laboratorio collettivo dove imparare gli uni dagli altri a conoscersi, ascoltarsi, rispettarsi. Perché il quartetto d’archi è un modello positivo di convivenza e sviluppo delle relazioni umane e l’impegno condiviso con collaboratori e volontari è di praticare questo modello a tutti i livelli della società, utilizzandolo come strumento di inclusione sociale, di contrasto alla povertà educativa e di miglioramento concreto delle condizioni di vita di chi ne entra in contatto. Fare e ascoltare musica è quindi nutrimento per la persona e per la comunità e non può prescindere dal contesto sociale in cui si vive e, poi, la Radio da sempre è strumento accogliente, democratico e libero che si può fare, ascoltare e ora con i podcast, riascoltare e anche vedere. Grazie alla compartecipazione con il Comune è stato possibile acquistare gli impianti tecnici per allestire, nella sede dell’associazione, un vero e proprio studio di trasmissione e ripresa audio-video.

“È davvero un progetto innovativo - afferma l’assessora a Pubblica istruzione e infanzia Ouidad Bakkali - che si è posto l’obiettivo di interessare adolescenti, preadolescenti e addirittura bimbi molto piccoli al mondo della musica colta, riuscendoci.  Quartetto Fauves APS, con la loro PickApp Radio, ha sviluppato dei percorsi fantasiosi caratterizzati da attività formative che ben conciliavano il peso, l’autorevolezza e l’importanza della musica classica alla freschezza, l’intermedialità e la contemporaneità del pop, del rap, della trap. Insomma, una splendida iniziativa che abbiamo sostenuto convintamente all’insegna della cultura del remix, che ha visto coinvolti ragazzi e ragazze di ogni età i quali, dopo questa esperienza, usciranno sicuramente un po’ cambiati e cambiate, curiosi/curiose e innamorati/e della musica. Inoltre è diventato per noi preziosa la collaborazione con i servizi 0-6 e le letture musicate svolte dalle nostre insegnanti”.

Il progetto

PickApp Radio coniuga musica, educazione, creatività: grazie alla realizzazione di pratiche culturali di segno innovativo, tecnologicamente avanzate, di alto profilo qualitativo, favorisce nelle persone coinvolte l’inclusione sociale, la responsabilizzazione personale, il miglioramento della percezione di sé in relazione agli altri. Asse portante di tutti i laboratori è stato quello di offrire ai destinatari una grande varietà di ascolti e di spunti di riflessione che, attraverso la musica, toccassero la storia, la società e la cultura del tempo in cui i ragazzi vivono, presentando la musica di qualità come una chiave interpretativa del mondo che li circonda, cioè immediatamente rapportabile con fenomeni che fanno parte del loro vissuto, della loro sfera emotiva e del loro quotidiano mondo di relazioni.

Ciò è stato possibile mettendo in relazione gli elementi fondamentali del repertorio colto (ritmo, armonia, intensità, altezza e timbro dei suoni, fondamenti della composizione, ecc.) con i fenomeni musicali nei quali i destinatari sono immersi nel quotidiano, vale a dire sia la musica scaricabile delle diverse piattaforme online, sia quella che arriva dai social, dalla televisione e dai canali online in generale. Da un punto di vista metodologico, ogni laboratorio è stato sempre aperto agli interventi dei partecipanti, alle loro reazioni, alle loro domande, ai loro dubbi e curiosità, in un processo di relazione che gli operatori hanno costantemente incentivato, e che ha permesso agli studenti di essere parte attiva dei laboratori.

Le scuole aderenti

Sono state coinvolte le secondarie di primo grado “Randi“, “Montanari”, “Novello” e l’Istituto professionale statale Olivetti Callegari per un totale di 690 alunni e alunne. Insieme agli operatori di Quartetto Fauves APS ed ulteriori musicisti ospiti del progetto gli studenti hanno potuto approfondire gli argomenti concordati con i docenti aderenti al progetto. Durante l’orario delle lezioni, gli operatori del progetto PickApp Radio hanno eseguito esempi suonati dal vivo, dialogato con gli studenti, presentato gli approfondimenti sui diversi temi concordati.

Un ulteriore importante e inatteso sviluppo del progetto ha riguardato il mondo dell’infanzia. È nato, infatti, “Voci d’infanzia”: video letture a cui hanno collaborato 55 lettrici volontarie del personale educativo del Servizio nidi e scuole dell’infanzia del Comune di Ravenna, che ha visto la realizzazione di 142 video nei quali le lettrici interpretano, mentre sfogliano le immagini, una serie di testi dedicati alla fascia 0-6.

Biblioteca Classense e app

PickApp Radio inoltre ha raccolto, in versione podcast, circa 3 ore di letture dei volontari ed operatori culturali della Biblioteca Classense di Ravenna, partner culturale di Quartetto Fauves APS, in occasione del “Maggio dei Libri”. Tra gli esiti emersi a progetto avviato c’è la App “PickApp Radio”. Quartetto Fauves APS ha raccolto l’interesse verso le attività progettuali di Manuel Rosini e Gianfranco Cotumaccio, docenti di web-design e sviluppatori di software iOS presso l’Università del Design di Pescara, ai quali ha affidato l’incarico di realizzare sia graficamente, sia dal punto di vista tecnologico e di linguaggio macchina, la App PickApp Radio. Attraverso l’applicazione, già disponibile per iOS e a breve per Android, sarà possibile fruire di tutti i contenuti del progetto (streaming musicale in diretta web radio con programmi radiofonici dedicati, sezione di contenuti audio-visivi, e una sezione dedicata ai podcast) semplicemente scaricando gratuitamente l’applicazione dai pricipali store online.

I numeri

- 615 alunni e alunne coinvolti, 27 classi (scuole secondarie di primo grado)
- 75 alunni coinvolti, 8 classi, (scuole secondarie di secondo grado)
- Voci di 55 lettrici coinvolte, 142 video realizzati, 3 ore di letture dei volontari ed operatori culturali della Biblioteca Classense di Ravenna
- 16 ore di dirette radiofoniche con interviste ad artisti del mondo della musica
- 120 ore di formazione su programmi di gestione radiofonica rivolta agli associati
- Tutti i giorni, 24 ore al giorno streaming musicale a cura di Quartetto Fauves APS (dal 15 marzo 2021)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Col progetto 'PickApp Radio' le scuole coniugano musica, educazione e creatività

RavennaToday è in caricamento