Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Una lite per soldi dietro le coltellate in centro: arrestato per tentato omicidio

Si è conclusa con un arresto la caccia all'uomo che nel pomeriggio di lunedì ha sferrato una coltellata a un altro uomo in pieno centro storico

Si è conclusa con un arresto la caccia all'uomo partita nel pomeriggio di lunedì, con una lite e un'aggressione a colpi di coltello all'esterno di un locale tra via Corrado Ricci e piazza dell'Aquila. Il presunto responsabile dl sanguinoso episodio, con l'accusa di tentato omicidio e porto di oggetti atti ad offendere,  è stato arrestato intorno all'una di notte grazie alle indagini svolte dalla Squadra Mobile della Polizia di Stato in collaborazione con l'Ufficio Prevenzione Generale (pm Stefano Stargiotti). Quello che resta un rebus sono i motivi che hanno fatto scattare una furia cieca che poteva diventare facilmente assassina: ci sarebbero i soldi di mezzo come un mancato prestito o una mancata restituzione di denaro.

L'uomo arrestato, che attualmente si trova nel carcere di Ravenna in attesa del giudizio per direttissima è un tunisino di 45 anni entrato clandestinamente in Italia nel 1994. L'arrestato, in seguito, si è sposato con una donna italiana, tuttavia non risulta in regola con il permesso di soggiorno: l'Ufficio immigrazione gli ha infatti revocato la carta di soggiorno in quanto lo straniero, già dal 1995 si è macchiato di numerosi reati e ha "collezionato" ben 39 fotosegnalazioni presso gli uffici di Polizia, con una ventina di nominativi falsi associati. Negli anni ha avuto 18 provvedimenti definitivi da parte dell'autorità giudiziaria, che lo ha condannato per reati diversi quali guida in stato d'ebbrezza e spaccio. Da una ventina di giorni era in attesa del ptovvedimento per l'accompagnamento coatto alla frontiera.

Le immagini dei sistemi di videosorveglianza mostano come il soggetto, seduto al tavolo di un bar con un "amico", anch'egli tunisino, a un certo punto si sia alzato sfoderando un coltello da cucina lungo 30 centimetri, con cui ha provato a colpire l'amico ancora seduto, mancandolo. Dopo un breve inseguimento, l'arrestato sarebbe riuscito ad affondare la lama nel petto del connazionale: una coltellata che, riferiscono dall'ospedale, avrebbe potuto essere mortale. Dopo la feroce aggressione, il tunisino ha raggiunto i lidi del ravennate, tuttavia gli investigatori ritengono che non avesse intenzione di lasciare la provincia. Nella giornata di martedì, cinque pattuglie hanno monitorato alcune zone del centro di Ravenna giorno e notte in cerca dell'aggressore, che verso mezzanotte e mezza è stato intercettato a bordo di una bicicletta da una volante. Non appena ha visto la pattuglia avvicinarsi, si è dato alla fuga utilizzando le zone pedonali per evitare che la volante potesse inseguirlo, dando così inizio a un inseguimento a piedi fino a che il ricercato non è stato bloccato e accompagnato in questura, dove si è proceduti al fermo. Indossava abiti diversi rispetto al giorno prima, cosa che ha fatto pensare agli investigatori che potesse avere un appoggio o un rifugio in zona (ha dei parenti nel centro di Ravenna, anche loro con diversi precedenti alle spalle). Il ferito si trova ora nell'ospedale di Ravenna dove è ricoverato in condizioni delicate.

 "La Polizia di Stato nell'arco di 24 ore ha mostrato una grande prontezza operativa e gli investigatori della Squadra Mobile hanno mostrato di avere una grande conoscenza del territorio e delle persone - ha commentato il dirigente della Squadra Mobile di Ravenna Claudio Cagnini, intervenendo in conferenza stampa - Un fattore determinante per la conclusione di questa vicenda è stato il pronto e determinato coordinamento da parte della Procura di Ravenna che fin da subito ha mostrato fiducia sull'ipotesiinvestigativa che stavamo avanzando emettendo il decreto di fermo eseguito durante la notte". 

RINGRAZIAMENTI - Il sindaco Michele de Pascale e il vicesindaco con delega alla Sicurezza Eugenio Fusignani ringraziano la Squadra mobile della Polizia di Stato per il buon esito dell’operazione che ha portato all’arresto dell’uomo che nella serata di lunedì ha accoltellato una persona in via Corrado Ricci: “Le ricerche – sottolineano de Pascale e Fusignani – sono partite subito, anche con la collaborazione di alcuni cittadini che hanno assistito alla scena; e le pattuglie impiegate sono riuscite in breve a rintracciare e arrestare l’autore del tentato omicidio. A loro e a tutte le forze dell’ordine va il nostro ringraziamento, non solo per questa singola operazione, ma per il lavoro che tutti i giorni compiono con serietà, professionalità e impegno a servizio della nostra comunità”.

4-2-10

3-3-13

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una lite per soldi dietro le coltellate in centro: arrestato per tentato omicidio

RavennaToday è in caricamento