rotate-mobile
Cronaca

Accordo di collaborazione tra la provincia e le autorita' di bacino

Il SIT provinciale, per primo in Regione, ha effettuato la mosaicatura (assemblaggio) di tutti i piani di bacino e di sottobacino delle due Autorità consentendo anche la consultazione in rete per gli addetti ai lavori

Il Settore Ambiente e Territorio della Provincia che si occupa, fra l’altro, della pianificazione sovracomunale deve mantenere aggiornati i dati geografici provenienti dai Piani di Bacino attraverso il Sistema Informativo Territoriale (SIT). Nei mesi scorsi sono stati presi accordi con le due Autorità di Bacino, quella del Reno e quella dei Fiumi Romagnoli, per lo scambio di tali dati.

Il SIT provinciale, per primo in Regione, ha effettuato la mosaicatura (assemblaggio) di tutti i piani di bacino e di sottobacino delle due Autorità consentendo anche la consultazione in rete per gli addetti ai lavori. I Piani di Bacino sono una componente fondamentale della pianificazione territoriale dei quali sia il PTCP che i piani comunali devono tener conto. Fino a ieri, la cartografia era disponibile solo su carta o in formato Pdf. A seguito dell’accordo invece tutto il materiale sarà finalmente disponibile in rete.

L’accordo prevede infatti che le autorità di bacino forniscano tutte le varianti approvate in formato digitale così che il web cartografico possa essere costanetmente aggiornato. Dalla sottoscrizione dell'accordo non derivano oneri diretti a carico della Provincia .

Il SIT è costituito da hardware, software, dati, persone, assetti organizzativi e istituzionali, dedicato alla raccolta, all' analisi, alla conservazione, alla diffusione, delle informazioni caratterizzate da georeferenziazione degli aspetti spaziali cioè dal posizionamento del territorio reale secondo un sistema di riferimento effettuato con procedure informatiche.

Il sistema contiene più pacchetti software (GIS) specializzati nella gestione dei dati spaziali che possono essere rappresentati secondo due modalità (raster e/o ortofoto, e temi vettoriali) nonchè dei dati alfanumerici (Database) gestiti con un pacchetto software per la memorizzazione, l’aggiornamento e l’interrogazione.


Il SIT ha reso possibile la redazione del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, il più importante strumento di pianificazione territoriale della Provincia. Con il SIT, inoltre, è possibile realizzare e gestire i piani di settore o risolvere problematiche specifiche quali, ad esempio, per il Settore Lavori Pubblici, il catasto strade; per il Settore Patrimonio ed edilizia, il controllo della attività patrimoniale; per il Settore Ambiente e Difesa del suolo, il Piano Infraregionale delle Attività Estrattive, il Catasto scarichi, i Piani di smaltimento rifiuti; per il Settore politiche agricole, il controllo e la pianificazione dei contributi finanziari su base territoriale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accordo di collaborazione tra la provincia e le autorita' di bacino

RavennaToday è in caricamento