rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca

All'ex Kirecò le persone con disabilità diventano "chef"

Si occuperanno della gestione della cucina e delle attività di ristorazione del centro i ragazzi del nucleo aziendale che hanno iniziato il loro percorso lavorativo presso RicreAzioni

Si occuperanno della gestione della cucina e delle attività di ristorazione del centro i ragazzi del nucleo aziendale che hanno iniziato il loro percorso lavorativo presso RicreAzioni, il complesso ravennate noto come ex-Kirecò preso in concessione dal Consorzio Solco Ravenna e gestito alla cooperativa sociale La Pieve. Il nucleo aziendale è una parte del progetto di riqualificazione pensato e ideato per il centro polivalente, un progetto fondato su tre direttive principali: integrazione, comunità e sostenibilità ambientale.

"Siamo entusiasti di aver avviato il nucleo aziendale, un passo importante che ci porterà presto a rendere RicreAzioni attivo al 100% - sostiene il vicepresidente de La Pieve Christian Rivalta -. I ragazzi ospiti del nucleo, che potrà accogliere fino a 10 persone, si occuperanno della ristorazione del complesso, attualmente destinata alle persone che popolano RicreAzioni, ma che speriamo di aprire presto anche alla comunità”.

I lavori di riqualificazione del centro di via Don Carlo Sala non sono ancora terminati: "Entro la fine dell’anno si dovrebbero concludere le ristrutturazioni del piano di sopra e dell’esterno - continua Rivalta -. Per quanto riguarda il giardino adiacente, molto è stato già fatto, il resto contiamo di portarlo a termine con i ragazzi del nucleo aziendale e in collaborazione con un altro nostro centro, sempre dedicato all’inserimento lavorativo di persone con disabilità. Per inizio gennaio tutto dovrebbe essere pronto".

Nel frattempo RicreAzioni ha già ospitato diverse iniziative e ha avviato la collaborazione con alcune associazioni del territorio, tra le quali il Csi di Ravenna. Con il completamento del piano di sopra il centro di aggregazione per la città, previsto dal progetto, sarà operativo a tutti gli effetti. Il tutto, ovviamente, tenendo conto delle restrizioni dovute alla pandemia in corso. Per quanto riguarda invece il parco intorno al complesso, i lavori di riqualificazione inizieranno in primavera, ma nel frattempo è stata avviata la collaborazione con un ortista per iniziare il progetto degli orti sociali.

"Siamo molto contenti del lavoro fatto con RicreAzioni - sottolinea il direttore del Consorzio Solco Ravenna Giacomo Vici -. Abbiamo investito in maniera importante in questo progetto perché ci sembrava giusto cogliere l’occasione di riqualificare un complesso secondo noi ricco di potenziale. Pensiamo che RicreAzioni possa diventare un luogo in cui bambini, anziani, giovani e meno giovani, persone con disabilità, sportivi, amanti della natura, ecc, possano trovarsi e passare del tempo insieme, innescando nuove sinergie e senso di comunità. Ci tengo a sottolineare come le iniziative che animano e animeranno RicreAzioni sono state realizzate con la collaborazione dei Servizi Sociali e di altri Uffici del Comune di Ravenna, oltre che con numerosi enti del non profit, a sottolineare l’importante ruolo che la rete può assumere per il buon funzionamento del progetto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All'ex Kirecò le persone con disabilità diventano "chef"

RavennaToday è in caricamento