rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca

Sequestrano i dipendenti e rapinano una banda: uno dei banditi preso a Ravenna

Il colpo, che aveva fruttato 28mila euro, è stato messo a segno venerdì pomeriggio

E' accusato di aver rapinato la Cassa di Risparmio del Veneto a Colognola ai Colli, in provincia di Verona. Un 50enne siciliano è stato arrestato dai carabinieri di Ravenna su indicazione dei colleghi della Compagnia di San Bonifacio e del Nucleo Investigativo di Verona. Poche ore prima era stato già assicurato alla giustizia il complice, un coetaneo siciliano. Il colpo, che aveva fruttato 28mila euro, è stato messo a segno venerdì pomeriggio. Erano circa le 16.15 quando è partito l'allarme dall'istituto di credito: i banditi, dopo aver fatto irruzione, hanno minacciato verbalmente i dipendenti senza mettere mano a possibili armi. Una volta legati tutti, compresa una donna incinta, si sono appropriati dei soldi presenti in un mobiletto e sono usciti in strada. Quando ancora si trovavano in prossimità della banca è arrivata la pattuglia dei carabinieri, che ha subito notato queste due persone che si allontanavano a passo abbastanza spedito. Controllato che la situazione all'interno del locale fosse tranquilla, gli uomini dell'Arma sono tornati a concentrarsi sui sospettati, dando vita all'inseguimento. 

L'APPROFONDIMENTO
RAPINA IN BANCA: IL COLPO E L'ARRESTO - PRESO IL COMPLICE

L'inseguimento

In completa sicurezza, con nessun cittadino presente, uno dei due militari ha esploso due colpi in aria per convincere i due criminali a fermarsi. Il primo, che si trovava in possesso praticamente dell'intero bottino, è stato fermato ed ammanettato pochi metri dopo, mentre il secondo ha proseguito nella propria fuga. Uno dei duo uomini dell'Arma allora, dopo essersi accertato che il complice fosse immobilizzato, è tornato ad inseguirlo, arrivando a sorprendelo a bordo di un'Alfa Romeo 159. Il malvivente si era chiuso all'interno del veicolo, così il carabiniere ha sparato alle gomme del lato guidatore per cercare di impedirgli di allontanarsi. Questo però non è bastato a fermare il bandito, che è comunque partito facendo perdere le proprie tracce. I carabinieri e il fermato si sono poi diretti al Comando della Compagnia di San Bonifacio, dove hanno ricostruito la vicenda e dato il via agli accertamenti di rito. L'arrestato era un 50enne siciliano con alle spalle precedenti specifici per questo tipo di reati: un professionista dunque, che è stato infine condotto nel carcere di Montorio in attesa della convalida.

Il fuggitivo

Le attenzioni degli investigatori si sono così concentrate sul fuggitivo: tramite la targa e il modello dell'auto, intestate però ad una terza persona, i militari sono riusciti a risalire al malfattore e al suo "giro", grazie ad un controllo effettuato nei mesi scorsi che lo collegava proprio a quel veicolo.  Le ricerche sono state estese quindi alla sua "zona d'interesse", ovvero l'Emilia Romagna, dove il fuggitivo aveva diversi contatti ache gli potevano offrire un nascondiglio. Nella stessa serata tra venerdì e sabato sono partite le verifiche delle varie compagnie locali di carabinieri, che hanno controllato i possibili indirizzi a cui il rapinatore poteva fare riferimento.

L'arresto

Alla fine gli sforzi dell'Arma sono stati premiati tra mezzanotte e l'una, quando l'auto in questione è stata trovata nella zona di Ravenna, in prossimità di uno dei punti controllati dai carabinieri: il veicolo risultava essere danneggiato, in quanto l'uomo aveva sostituito una gomma con il ruotino, ma nella fretta di fuggire questo era andato distrutto e la macchina aveva finito con il muoversi sul cerchione. Poco lontano è stato infine bloccato il fuggitivo, mentre camminava lungo la strada: si trattava di un altro 50enne siciliano, fermato dai carabinieri di Ravenna su indicazione dei colleghi della Compagnia di San Bonifacio e del Nucleo Investigativo di Verona, che a sua volta ora si trova in carcere in attesa della convalida. In suo possesso è stata trovata una borsa dove all'interno erano conservati un taglierino, un berretto da baseball, un paio di guanti (come il suo complice) e una piccola parte del denaro sottratto alla banca. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrano i dipendenti e rapinano una banda: uno dei banditi preso a Ravenna

RavennaToday è in caricamento