rotate-mobile
Lunedì, 29 Maggio 2023
Cronaca Faenza

"Buoni in famiglia": l’Aser dona l’1 per cento per aiutare le famiglie bisognose

Nel 2014, la quota è stata di 6.366,78 euro (in crescita di circa 300,00 euro rispetto all’anno precedente); in totale, nei sette anni di vita, “Buoni in famiglia” ha permesso aiuti alle famiglie bisognose del faentino per circa cinquantamila euro.

Un’iniziativa consolidata, che si è riproposta anche per il 2014. Si tratta di “Buoni in famiglia. La solidarietà val bene una spesa”: grazie a un accordo riconfermato a fine anno fra l’Aser (l’Agenzia di onoranze funebri a controllo pubblico) e il Comune di Faenza, l’1 per cento del fatturato dell’azienda è stato erogato al Comune per aiutare i programmi di sostegno alle famiglie in difficoltà. Il che permetterà ai Servizi Sociali faentini di aumentare considerevolmente i buoni spesa assegnati alle famiglie bisognose del territorio.

Il progetto è ormai radicato, visto che l’accordo iniziale è datato dicembre 2007, e che quindi a partire dal 2008 ogni anno l’Aser ha versato la centesima parte del proprio fatturato ai Servizi Sociali faentini. Nel 2014, la quota è stata di 6.366,78 euro (in crescita di circa 300,00 euro rispetto all’anno precedente); in totale, nei sette anni di vita, “Buoni in famiglia” ha permesso aiuti alle famiglie bisognose del faentino per circa cinquantamila euro.

Nel dettaglio, la quota versata nel 2014 da parte di Aser al Comune di Faenza, attraverso i Servizi Sociali faentini, verrà utilizzata per progetti a sostegno dell'autonomia di nuclei familiari in difficoltà tramite l'erogazione di buoni spesa. A un aspetto economico immediatamente percepibile e certamente significativo in relazione al tessuto sociale più fragile, “Buoni in famiglia” abbina anche un intento di stimolo verso l’intera cittadinanza, rispetto alla consapevolezza di un problema di indigenza sempre più allargato, che può essere almeno alleviato anche grazie a un contributo come quello che i cittadini forniscono indirettamente, ma consapevolmente nel momento in cui si rivolgono ad Aser. La convenzione è già stata confermata anche per il 2015.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Buoni in famiglia": l’Aser dona l’1 per cento per aiutare le famiglie bisognose

RavennaToday è in caricamento