rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca Cervia

Abusivismo commerciale, il dato della Capitaneria di Cervia: sequestri per 170mila euro

Un anno positivo quello appena trascorso per la Capitaneria di porto di Cervia impegnata su più fronti tra filiera della pesca, rispetto dell’ordinanza balneare, difesa dell’ambiente marino costieroe nautica da diporto

Poco più di 400 chili di prodotto ittico sequestrato dalla guardia costiera di Cervia e verbali amministrativi per circa 9.000 euro. L’operazione complessa denominata  Labyrinth avvenuta a cavallo del periodo natalizio e conclusa il 19 gennaio si è svolta sotto il controllo del centro controllo area pesca della DirezioneMarittima di Ravenna. Particolare attenzione ai punti di commercializzazione e di ristorazione italiani ed orientali con l’obbiettivo di accertare vendita di specie ittiche protette o eventuali somministrazioni non conformi ai regolamenti europei( etichettatura e tracciabilità del prodotto).

Complessivamente sono stati impegnati 10 militari dell’Ufficio marittimo sia a terra che in mare. nove gli illeciti amministrativi contestati di cui tre in mare a carico di motopescherecci privi della corretta documentazione di bordo . Posta sotto sequestro anche una rete tipo imbrocco di circa 150 metri posizionata all’imboccatura del porto  cervese. Un anno positivo quello appena trascorso per la Capitaneria di porto di Cervia impegnata su più fronti tra filiera della pesca, rispetto dell’ordinanza balneare, difesa dell’ambiente marino costieroe nautica da diporto.

Nell’ambito dei controlli svolti sul demanio marittimo particolare attenzione è stata posta alla fruibilità delle spiagge libere dove la costante presenza ha permesso di liberare, tra Cervia, Pinarella e Milano Marittima, oltre 10.000 metri quadrati di spiaggia libera illecitamente occupata nel maggior afflusso estivo. 45 gli illeciti amministrativi contestati nell’anno 2014 di cui 33 con sequestro dell’attrezzatura. 3 le reti da pesca sequestrate pari a circa 450 metri, 39 i cogolli rimossi e posti sotto sequestro per garantire una balneazione sicura. Sul fronte penale, 23 sono state le informative di reato trasmesse alla Procura della Repubblica di Ravenna di cui 19 con sequestro penale.

Incrementato anche il risultato contro l’ambulantato abusivo dove sono stati effettuati 48 sequestri/rinvenimenti pari a 9467 pezzi sottratti al mercato nero per una cifra approssimativa intorno ai 170.000 euro. Ottimo il riscontro sulla nautica da diporto dove nella fascia di mare compresa tra Tagliata e Milano Marittima non si sono riscontati illeciti da parte dei diportisti, grazie all’intensa attività di prevenzione posta all’inizio dell’estate con il rilascio del bollino blu per i diportisti in regola con le dotazioni di salvataggio. Sotto il coordinamento operativo della Capitaneria di porto di Ravenna e grazie al numero blu 1530, la dipendente motovedetta CP 552 ed il battello veloce Bravo 45 hanno tratto in salvo 11 persone. Capitaneria di porto/ Guardia Costiera di Cervia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusivismo commerciale, il dato della Capitaneria di Cervia: sequestri per 170mila euro

RavennaToday è in caricamento