Cronaca

Cervia, si ragiona sul lungomare del futuro con il progetto “Battigia eco-accessibile”

Percorsi ciclo-pedonali, logistica delle merci, ma anche sicurezza stradale e qualità dell’aria: sono tanti i temi da discutere tra esperti e imprese per il futuro della località

Proseguono le attività del progetto “La battigia eco-accessibile”, avviate la scorsa estate con la campagna “La tua Cervia sostenibile: indagine sulla mobilità della zona costiera”, finalizzata a valutare alcuni aspetti della mobilità sostenibile dell’area costiera del comune di Cervia, con l’obiettivo di renderla più vivibile ed attrattiva.

Il progetto, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna per un importo di 44mila euro, fa parte del percorso di realizzazione di laboratori territoriali per la sostenibilità delle imprese, per l’attuazione dell’Agenda 2030, è rivolto agli stabilimenti balneari ed ha lo scopo di creare valore territoriale agendo sulle leve della sostenibilità ambientale, sociale e di crescita economica, affrontando le principali problematiche legate alla mobilità di merci e persone in fascia costiera, accessibilità ed inclusione e gestione sostenibile delle risorse e degli acquisti.

Per entrare nel vivo delle attività ci si è avvalsi della collaborazione di Matteo Dondé, Urbanista esperto in pianificazione della mobilità ciclistica, moderazione del traffico e riqualificazione degli spazi pubblici. Promotore dell’urbanismo tattico in Italia, ha messo in campo diverse sperimentazioni per progettare spazi pubblici e strade coi cittadini, ha redatto le principali linee guida nazionali relativamente alla mobilità sostenibile, occupandosi di accessibilità, inclusione e di logistica delle merci, oltre che di persone. 

L’architetto ha presentato numerose esperienze vincenti, italiane ed europee, relative alla moderazione del traffico nelle città ed alla condivisione della strada come spazio pubblico, con un focus specifico sulla città di Cervia ed il suo lungomare.

L’incontro virtuale, che ha visto la partecipazione degli operatori economici della costa coinvolti nel progetto, ha stimolato il dibattito su diversi temi legati ai nuovi modelli di traffico: zone 30, ciclabilità, pedonalità e logistica delle merci, ma anche sicurezza stradale e qualità dell’aria, evidenziando la necessità di sviluppare una nuova sensibilità in questa direzione.

Il webinar è solo uno dei tasselli del progetto, che prevederà la realizzazione di laboratori di co-progettazione e concorrerà all'obiettivo di aumentare la consapevolezza degli operatori economici ai principi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica, sensibilizzandoli sulle tematiche di collaborazione, co-progettazione multisettoriale ed innovazione e puntando su nuovi servizi e offerte di qualità.

Il progetto, che promuove l’innovazione attraverso la collaborazione pubblico-privato, è stato messo a punto dal Comune di Cervia in collaborazione con la Cooperativa Bagnini di Cervia, il Clust-ER Greentech, cluster della regione che concorre all’attuazione della strategia regionale per l’innovazione e lo sviluppo sostenibile ed il Centro per l’Innovazione della Fondazione Flaminia (CIFLA). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cervia, si ragiona sul lungomare del futuro con il progetto “Battigia eco-accessibile”

RavennaToday è in caricamento