rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca Sant'Agata sul Santerno

"Costretta a vivere in un garage", il Comune precisa: "Attivati subito per trovare una soluzione"

"I nostri servizi sociali, come per tutti gli altri casi, si stanno facendo carico anche del caso in questione con tutti i mezzi a disposizione"

Sta facendo molto discutere in questi giorni a Sant'Agata sul Santerno la storia di una donna che, in stato di povertà, ha dichiarato di essere costretta a vivere in un garage. Sul caso è intervenuta anche l'amministrazione comunale: "La vicesindaca, contrariamente a quanto affermato dalla signora, non ha mai richiesto ai Carabinieri di verificare la sua presenza all'interno del garage - precisano dal Comune - Il Comune di Sant'Agata sul Santerno, attraverso i servizi sociali dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna, ha fin da subito preso in carico questo complesso caso sociale. Nell'ottica di salvaguardare l'incolumità della persona sono state subito attivate diverse misure sociali che hanno portato a reperire un alloggio temporaneo gratuito e sussidi alimentari. Successivamente, sono state suggerite diverse soluzioni abitative e garantiti ulteriori sussidi economici per il sostegno all'affitto, per agevolare un ritorno all'autonomia della persona".

"Dispiace profondamente che dalle parole della signora e dalla narrazione della vicenda, se mal interpretata, possa apparire una situazione di ostilità e abbandono da parte dell'amministrazione e dell'ente pubblico, che assolutamente non corrisponde al vero e rischia di gettare solo indebito discredito - dichiara il sindaco Enea Emiliani - I nostri servizi sociali, come per tutti gli altri casi, si stanno facendo carico anche del caso in questione con tutti i mezzi a disposizione, auspicando nella collaborazione seria e fattiva da parte della persona, che in questi casi è fondamentale per la risoluzione dei problemi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Costretta a vivere in un garage", il Comune precisa: "Attivati subito per trovare una soluzione"

RavennaToday è in caricamento