rotate-mobile
Martedì, 3 Ottobre 2023
Cronaca

Tari, approvata l'esenzione per le famiglie e le imprese colpite dall’alluvione

Si stima che il numero dei soggetti interessati dal provvedimento sia di circa 1800 tra famiglie e imprese, per un onere complessivo di 1 milione e 200 mila euro

Sono stati approvati dalla Giunta i criteri per l’esenzione dal pagamento della Tari 2023, le cui scadenze sono fissate per il 30 settembre e il 31 dicembre, confermando così quanto già annunciato nelle scorse settimane dal sindaco Michele de Pascale. La delibera verrà poi esaminata in commissione e votata in Consiglio Comunale.

“Durante la discussione dei decreti legati all’alluvione – ha dichiarato il sindaco Michele de Pascale -  sono stati presentati emendamenti e ordini del giorno finalizzati all’annullamento delle bollette per tutti i cittadini e le imprese dei territori colpiti. Ad oggi purtroppo, in un rimpallo di competenze tra Governo e agenzie per la gestione dei rifiuti e dei servizi di pubblica utilità, non vi è ancora traccia di questa esenzione, che era stato invece un impegno più volte preso dal Parlamento e dal Governo. Con la finalità di sostenere le imprese e le famiglie ravennati colpite, il Comune di Ravenna è nelle condizioni, grazie all’importante capienza del fondo donazioni, di poter anticipare in ogni caso questa esenzione, con l’auspicio che questi soldi possano essere rifusi al Comune, così che con questi fondi si possano fare anche ulteriori operazioni a beneficio dei cittadini alluvionati. Queste azioni che come Comune di Ravenna stiamo cercando di mettere in campo, grazie alla grande generosità che abbiamo ricevuto, se non vengono accompagnate da politiche del Governo rischiano di rappresentare elementi di forte iniquità tra i cittadini del Comune di Ravenna e quelli degli altri comuni”.

Nello specifico verranno esentati dal pagamento i soggetti ai quali è stata o sarà accolta la richiesta del “Contributo di immediato sostegno –  Cis”, i soggetti ai quali è stata o sarà accolta la richiesta del “Contributo di autonoma sistemazione – Cas” e al 30 giugno 2023 non erano ancora rientrati nella propria abitazione, i soggetti ai quali è stata o sarà accolta la richiesta di “Adesione al fondo donazioni alluvione del Comune di Ravenna” e infine i soggetti ai quali sarà accolta la richiesta, presentata alla Camera di Commercio di Ferrara e Ravenna, del “Contributo straordinario alle imprese per il ristoro dei danni subiti dagli eventi alluvionali del mese di maggio 2023”.

Inoltre, visto che le richieste elencate precedentemente sono ancora in corso di verifica e/o di presentazione, i termini di pagamento della Tari 2023 verranno posticipati al 29 febbraio 2024 per tutti coloro che hanno presentato le suddette domande e siano in attesa dell’esito ed eventualmente la dovessero pagare per mancato accoglimento della richiesta o perché relativa ad immobili diversi da quelli indicate nelle domande presentate.

Si stima che il numero dei soggetti interessati dal provvedimento sia di circa 1800 tra famiglie e imprese, per un onere complessivo di 1 milione e 200 mila euro. Si precisa infine che tutti coloro che avessero già eventualmente pagato la Tari e risultassero possedere i requisiti per usufruire dell’esenzione potranno ottenere il rimborso di quanto versato da Ravenna Entrate Spa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tari, approvata l'esenzione per le famiglie e le imprese colpite dall’alluvione

RavennaToday è in caricamento