menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Per il fisco era un contadino, in realtà si fingeva dentista e 'curava' quasi 300 clienti: maxi sequestro della Finanza

La Finanza ha interrogato circa 160 clienti che hanno confermato di essersi inconsapevolmente sottoposti alle cure mediche del falso odontoiatra, il quale si faceva aiutare dalla moglie quale assistente alla poltrona

Dopo la finta estetista che praticava interventi di chirurgia estetica senza licenza, il finto dentista. Nei giorni scorsi i militari del Comando provinciale della Guardia di finanza di Ravenna hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo di beni e disponibilità finanziarie - per un valore di oltre 230mila euro - nei confronti di un odontotecnico ravennate che esercitava abusivamente la professione di medico odontoiatra.

Il provvedimento cautelare, emesso dal Giudice per le indagini preliminari su richiesta della Procura della Repubblica di Ravenna, pm Marilù Gattelli, è stato adottato in esito a un’indagine avviata dopo che le Fiamme gialle hanno eseguito un accesso nello studio del falso dentista, che per il fisco risultava essere titolare una partita Iva per la “coltivazione di cereali”. Nel corso dell’ispezione, i Finanzieri hanno constatato che nello studio era presente una sala da aspetto con segreteria, un laboratorio odontotecnico e un’ulteriore stanza adibita a vero e proprio studio dentistico nella quale l’indagato, con tanto di camice, mascherina e cuffia aveva appena praticato un’anestesia locale a un ignaro paziente disteso sulla poltrona odontoiatrica.

Presso l’ambulatorio dentistico, completamente privo di qualsiasi autorizzazione sanitaria e immediatamente sottoposto a sequestro, le Fiamme gialle hanno inoltre rinvenuto 280 cartelle cliniche, nonché documentazione extracontabile relativa alle prestazioni odontoiatriche rese. Nei confronti del falso dentista, denunciato alla Procura della Repubblica di Ravenna per il reato di esercizio abusivo della professione medica, la Guardia di finanza ha quindi avviato una verifica fiscale, nel corso della quale è stato accertato che l’uomo non aveva mai presentato alcuna dichiarazione dei redditi, pur avendo percepito, per le prestazioni odontoiatriche abusive effettuate, lauti compensi a fronte dei quali non aveva mai emesso alcun documento fiscale.

Nel corso delle indagini la Finanza ha interrogato circa 160 clienti che hanno confermato di essersi inconsapevolmente sottoposti alle cure mediche del falso odontoiatra, il quale si faceva aiutare dalla moglie quale assistente alla poltrona. Dopo il sequestro del laboratorio dentistico, mentre le indagini erano ancora in corso, la Guardia di finanza ha scoperto che l’indagato aveva ripreso l’attività odontoiatrica avviando un altro studio abusivo all’interno di un’abitazione, circostanza che è valsa, oltre al sequestro del nuovo ambulatorio, anche un’ulteriore denuncia a carico dell’odontotecnico per aver reiterato l’esercizio abusivo della professione medica.

Successivamente il falso dentista è stato denunciato anche per il reato di violazione dei sigilli apposti dai Finanzieri in occasione del sequestro dello studio, poichè l'uomo li aveva arbitrariamente rimossi. Le attività ispettive, condotte anche attraverso mirate indagini finanziarie, hanno consentito alle Fiamme gialle di ricostruire il giro di affari del falso medico e di quantificare in oltre 230mila euro l’ammontare delle imposte che, nel tempo, ha omesso di versare nelle casse dell’Erario.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento