Università, finanziamento da un milione e mezzo di euro per la facoltà di medicina ravennate

L’attivazione del corso di laurea in Medicina rappresenta una grande opportunità di crescita per la sanità del territorio e una risposta concreta alla carenza di personale medico in Italia

È stato firmato lunedì 6 aprile a Bologna dalla Presidente di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Giusella Finocchiaro, l’atto di finanziamento di un milione e mezzo di euro per il corso di laurea in Medicina e Chirurgia dell’Università di Ravenna. La Fondazione rinnova così il suo impegno a favore della ricerca scientifica, sostenendo la formazione di nuovi medici.
Oltre ad arricchire l’offerta formativa dell’Ateneo ravennate, l’attivazione del corso di laurea in Medicina rappresenta una grande opportunità di crescita per la sanità del territorio e una risposta concreta alla carenza di personale medico in Italia, problema drammaticamente evidente nell’attuale emergenza sanitaria.
Dopo lo stanziamento di 500.000 euro per gli ospedali di Bologna e Ravenna e di 20.000 euro per le RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali) di Bologna la Fondazione del Monte conferma con questo ulteriore contributo il suo costante sostegno al territorio e alla sanità, soprattutto in questo momento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La Ricerca Scientifica e Tecnologica è uno dei quattro ambiti fondamentali in cui la Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna si impegna ogni anno - dichiara Giusella Finocchiaro, Presidente della Fondazione -. La strategia secondo la quale la Fondazione opera è quella di investire nel territorio e creare opportunità anche in quegli ambiti, come la ricerca scientifica, in cui sempre più spesso le risorse economiche a disposizione sono carenti. Con i contributi erogati in questo periodo di grande difficoltà – prosegue Finocchiaro –  abbiamo voluto far sentire la nostra vicinanza e venire incontro a un’esigenza dell’area welfare, ma il nostro sostegno alla comunità e alla ricerca rimarrà costante nel tempo confermando quanto già fatto con i finanziamenti di progetti di avanguardia nel settore biomedico, del grande progetto strategico promosso dall’Università di Bologna, la Torre Biomedica al Policlinico Sant’Orsola e del corso di laurea in Medicina e Chirurgia a Ravenna".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Schianto all'incrocio tra un'auto e un bus con a bordo i passeggeri

  • Colpiti da un'auto mentre vanno in bici: due ciclisti in ospedale

  • La dura scelta controcorrente del barista: "Il bar è la mia vita, ma riaprire vorrebbe dire fallire"

  • Scontro tra due ciclisti nel sottopasso: uno è in condizioni gravissime

  • Aggressione a colpi di coltello in pieno centro città: uomo in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento