Cronaca

La Finanza sequestra un appartamento: è dell'"uomo di fiducia" del boss della 'ndrangheta Femia

Femia, condannato nel 2017 a 26 anni e 10 mesi per associazione mafiosa nell'ambito del processo "Black Monkey", è ritenuto il boss che parlava dell'ipotesi di uccidere il giornalista Giovanni Tizian

Beni per un valore di oltre 400mila euro sono stati confiscati dalla Guardia di Finanza di Bologna a un 32enne di Cosenza, ritenuto dagli investigatori uno degli "uomini di fiducia" del boss della 'ndrangheta Nicola Femia. Quest'ultimo, condannato nel 2017 a 26 anni e 10 mesi per associazione mafiosa nell'ambito del processo "Black Monkey", è ritenuto il boss che, in una telefonata intercettata, parlava dell'ipotesi di uccidere il giornalista Giovanni Tizian.

Il provvedimento di confisca a carico del 32enne, emesso dalla Corte d'Appello di Bologna, riguarda un appartamento a Lido Adriano e una Mercedes classe A, entrambi già sottoposti a sequestro preventivo, come riporta l'Ansa. Le attività investigative condotte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bologna hanno accertato per l'uomo "un tenore di vita del tutto incoerente rispetto alle sue capacità reddituali", attribuendo l'origine delle sue ricchezze "alle attività criminali del clan".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Finanza sequestra un appartamento: è dell'"uomo di fiducia" del boss della 'ndrangheta Femia

RavennaToday è in caricamento