menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La rinascita della cooperativa: i lavoratori comprano la sede in Darsena

"Abbiamo raggiunto un obiettivo che solo pochi anni fa era insperato. È una grande soddisfazione e un auspicio per una ripresa rapida"

Raviplast acquista la sede. Il “workers buyout" ravennate, creato dai dipendenti alla fine del 2013 dalla crisi del gruppo Pansac, ha formalizzato il 27 maggio scorso l’atto di acquisto dello storico stabilimento industriale che si affaccia sulla Darsena. Finora Raviplast era in affitto dall'amministrazione straordinaria della precedente proprietà.

Raviplast è una cooperativa industriale ravennate che produce imballaggi plastici flessibili. È stata fondata sei anni fa da un gruppo di lavoratori che avevano perduto il lavoro in seguito alla cessazione delle attività del gruppo Pansac. Oggi la cooperativa – associata unitariamente a Legacoop, Confcooperative e Agci – fattura circa sei milioni di euro e dà lavoro a ventinove persone, di cui ventiquattro soci.

L’area totale acquisita è di poco più di quattro ettari. Ne fanno parte la superficie in cui si trovano gli impianti e tre lotti a destinazione non industriale: la ex villa del Direttore dello Stabilimento, un parcheggio e una palazzina. Tutta la parte non destinata a scopi produttivi, circa un quarto del totale, sarà ceduta ad acquirenti che si sono già impegnati formalmente all’acquisto. Le trattative andavano avanti dal 2017. La svolta è arrivata nell'estate del 2019, con l’approvazione dell’offerta di Raviplast da parte del Ministero dello Sviluppo Economico. Il periodo successivo, al netto della crisi Covid, è stato necessario per le certificazioni di conformità in vista del rogito.

"Abbiamo raggiunto un obiettivo che solo pochi anni fa era insperato. È una grande soddisfazione e un auspicio per una ripresa rapida, specie in un momento difficile per tutto il Paese come questo - dicono il presidente di Raviplast, Alessandro Micelli, e l’amministratore delegato, Carlo Occhiali - Il nostro ringraziamento va a tutta la città. In particolare questo risultato non sarebbe stato possibile senza il sostegno delle amministrazioni comunali di Ravenna, che in tutti questi anni si sono impegnate per mantenere i vincoli di destinazione produttiva sull’area, e delle centrali cooperative, che ci hanno supportato concretamente fin dall’inizio dell’attività".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Come dare nuova vita al giardino con il Bonus Verde 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento