menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Legambiente contro il convegno di 'negazionisti climatici': "Sconcertante la presenza delle istituzioni"

Seconda edizione del convegno “There is No Climate Emergency – Transizione Energetico: nuovi orizzonti” a cui parteciperanno persone schierate a difesa del settore estrattivo di idrocarburi

Sabato 16 novembre si terrà a Brisighella la seconda edizione del convegno “There is No Climate Emergency – Transizione Energetico: nuovi orizzonti” a cui parteciperanno persone schierate a difesa del settore estrattivo di idrocarburi.

“E' preoccupante la presenza del titolo There is NO Climate Emergency nel comunicato allegato nel sito del Comune - sottolinea Legambiente - Dal comunicato si legge poi: “…a Brisighella la seconda edizione di "Transizione energetica: nuovi orizzonti" sarà incentrata sulla cultura e sull’importanza di analizzare il mondo nei suoi complessi meccanismi ascoltando la voce della conoscenza”. Estremamente discutibili i toni della presentazione dell’incontro e i soggetti invitati. Un incontro anacronistico che nulla ha a che vedere con una discussione costruttiva e a 360° sul tema della transizione energetica e per la quale i rappresentanti non possono considerarsi la voce della conoscenza. Ancora più grave vedere la partecipazione di personaggi come il consigliere regionale del Pd Gianni Bessi: è a conoscenza il consigliere che la Regione Emilia-Romagna ha recentemente dichiarato lo stato di emergenza climatica? Oltretutto discutibile la presenza del professor Alberto Prestininzi, geologo in pensione, già noto per le sue argomentazioni “anti Greta”, rappresentanti del Roca club ed ex dirigenti di Eni che paradossalmente parlano di transizione energetica senza produrre nulla di concreto sul territorio, oltre a sole operazioni di greenwashing. Una rappresentanza priva di alcuna voce critica e strumentale a giustificare scientificamente l’estrazione di gas sul nostro territorio. Colpisce la mancanza in programma di climatologi – i veri studiosi del clima – o di esperti di energie rinnovabili, a riprova dell’impostazione dell’iniziativa. Come sostengono gli stessi scienziati negazionisti “La scienza del clima dovrebbe essere meno politica, mentre le politiche climatiche dovrebbero essere più scientifiche”: proprio per questo esiste l’Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change), facendosi da ponte tra la comunità scientifica e l’operato politico, ci ricorda che rimangono solo 11 anni per adottare politiche efficaci a mantenere l’incremento della temperatura media globale entro gli 1,5°C. Si chiedono immediatamente spiegazioni da parte dei promotori augurandoci che l’evento venga ritirato o quantomeno rivisitato. L’emergenza climatica esiste e non c’è più tempo per le discussioni!”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Attualità

Russi, partono i corsi di lingua del Comitato di Gemellaggio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento