Trovata morta nel pozzo, rinvio a giudizio per il marito

Rinvio a giudizio per Marco Cantini, l'imprenditore ravennate indagato con l'accusa di omicidio della moglie cubana Yanexy Gonzalez Guevara. L'accusa è di omicidio pluriaggravato, occultamento di cadavere e simulazione di reato

Rinvio a giudizio per Marco Cantini, l'imprenditore ravennate indagato con l'accusa di omicidio della moglie cubana Yanexy Gonzalez Guevara. L'accusa è di omicidio pluriaggravato, occultamento di cadavere e simulazione di reato. L'imputato, difeso dagli avvocati Giovanni Scudellari e Luca Berger, Cantini, dovrà comparire davanti al giudice il 13 marzo prossimo per la prima udienza. La morte della giovane cubana risale alla fine dell'estate del 2008.

Il cadavere della donna venne recuperato dai Carabinieri della Compagnia di Lugo in un pozzo a Passogatto, a poche centinaia di metri dall'abitazione della coppia. L'ordinanza di custodia cautelare è stata firmata dopo oltre due anni e mezzo dal ritrovamento del cadavere dal pubblico ministero Monica Cargiulo.

LA SCOMPARSA - Yanexy era scomparsa il 21 agosto. A denunciare la sparizione ai Carabinieri era stato lo stesso marito. Le indagini, coordinate dal pm di turno Francesco Alvino, erano state affidate ai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Ravenna che hanno collaborato con i colleghi del Nucleo Operativo della Compagnia di Lugo. Subito erano state ascoltate diverse persone informate sui fatti e acquisiti i tabulari telefonici della giovane.

LE INDAGINI - Dai diversi interrogatori era emerso che tra i due coniugi vi erano state forti tensioni, con la 23enne che aveva più volte manifestato il desiderio di abbandonare la casa insieme alla bambina. Yanexy, inoltre, era seguita dal Simap. Dopo il parto, avvenuto due anni prima della morte, era caduta in depressione. Il corpo era stato rinvenuto in un pozzo profondo circa sette metri.

Il medico legale Renato Bertoli aveva esaminato il corpo di Yanexy senza riscontrare apparenti lesioni. All’inizio la morte delle donna sembrava un suicidio, ma determinanti per l’accusa sono stati gli elementi raccolti dalle analisi scientifiche dei Ris di Parma. Diverse le ipotesi: o l'uomo ha ucciso la donna nascondendola nel pozzo, oppure l'ha tramortita per poi lanciarla nel pozzo dove la giovane è morta annegata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'UDIENZA - Nella stessa udienza preliminare davanti al Gup Monica Galassi, si è costituita parte civile l'avvocato Alice Lusa – curatrice della bimba della coppia – per conto sia della madre che del fratello della vittima, entrambi a Cuba. La difesa aveva invece chiesto il proscioglimento del loro assistito perchè estraneo ai fatti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato nei boschi dopo tre giorni insieme al suo fedele cane: "Nelle ore più fredde ci scaldavamo vicini"

  • Troppi casi di Coronavirus nelle classi: chiude un'altra scuola

  • La giovane che sfida la crisi per realizzare il suo sogno: aprire un forno-cioccolateria

  • Mucche picchiate con bastoni e chiavi inglesi: per l'allevatore 120 ore di lavori di pubblica utilità

  • Violento tamponamento tra due camion in autostrada: traffico in tilt

  • Scoppia un focolaio di Coronavirus in casa di riposo: 50 contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento