menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lutto nel mondo della cultura: addio al professor Andrea Emiliani

Nato a Predappio nel 1931 è stato Soprintendente per i Beni Artistici e Storici di Bologna, Ferrara, Forlì e Ravenna e direttore della Pinacoteca Nazionale di Bologna

Lutto nel mondo della cultura. Si è spento all'età di 88 anni Andrea Emiliani, il noto storico dell’arte che fondò l’Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna nel 1974. Emiliani si è spento all'ospedale Sant'Orsola dove era ricoverato da qualche settimana. Nato a Predappio nel 1931 è stato Soprintendente per i Beni Artistici e Storici di Bologna, Ferrara, Forlì e Ravenna e direttore della Pinacoteca Nazionale di Bologna che ha contribuito a riorganizzare fin dal 1955 (così come quelle di Ferrara e Forlì).

Fin dal 1970 ha insegnato Museografia, Fenomenologia degli Stili, Storia delle Arti e Museologia all'Università di Bologna. Ha collaborato con la Sapienza di Roma, il Politecnico di Torino e la Fondazione Giorgio Cini di Venezia. Emiliani è stato anche docente incaricato all'Istituto statale d'arte per la Ceramica di Faenza (1962-65),  Presidente dell'Istituto Superiore di Industrie Artistiche di Faenza, dell'Accademia Clementina di Bologna nonché membro delle Accademie Raffaello di Urbino, Torricelli di Faenza, e Accademia Nazionale di San Luca a Roma. Nel 1988 ha ricevuto il premio dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, mentre 1992 quello per la critica d'arte del Ministero per i Beni e le Attività culturali assegnato dall'Accademia dei Lincei.

Commentano Michele De Pascale, sindaco e presidente della Provincia di Ravenna, e l'assessore alla Cultura, Elsa Signorino: "Emiliani è stato una straordinaria figura di riferimento per il nostro territorio nell’ambito della cultura, dell’arte e della museologia, già Soprintendente per i Beni Artistici e Storici di Bologna, Ferrara, Forlì e Ravenna e fondatore dell’Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna. Appassionato erudito e nel contempo importante innovatore, lo ricordiamo per la sua grande sensibilità e attenzione verso i beni culturali della nostra terra; la sua scomparsa è una grandissima perdita per tutto il mondo dell’arte e della cultura non solo emiliano romagnolo, ma italiano".

Anche Faenza piange Emiliani: "L'importanza del lavoro di Emiliani nell'ambito della storia dell'arte e nella gestione dei beni artistici e culturali è assoluta e unanimemente riconosciuta  - affermano il sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi e il vicesindaco e assessore alla cultura Massimo Isola - in particolare la sua visione anticipatrice dei tempi unita a grandi capacità divulgative e organizzative. Oltre alla valorizzazione dell'Isia, Faenza sarà per sempre riconoscente a Emiliani per l'acquisizione al patrimonio statale di Palazzo Milzetti e il conseguente restauro. Una scelta all'epoca coraggiosa e non scontata che rivelò la sua determinazione nella salvaguardia pubblica dei gioielli architettonici e artistici del nostro territorio, di cui oggi tutti noi possiamo beneficiare. Alla famiglia le più sentite condoglianze da parte dell'amministrazione comunale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento