Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Iniezione letale alla paziente, chiesta la conferma dell'ergastolo per Daniela Poggiali

La donna è accusata davanti alla Corte d'Assise d'Appello di Bologna di avere ammazzato l'8 aprile 2014 con un'iniezione letale di potassio una sua paziente, la 78enne Rosa Calderoni

"Da qualsiasi parte si esamini la vicenda, non vi sono spazi per soluzioni diverse da una conferma del giudizio di responsabilità o alternative a sanzioni che lo Stato deve dare di fronte a condotte di questa gravità". E' quanto ha affermato il sostituto procuratore generale Luciana Cicerchia, che ha chiesto la conferma della condanna all'ergastolo inflitta in primo grado a Daniela Poggiali, la 44enne ex infermiera dell'ospedale 'Umberto I' di Lugo. La donna è accusata davanti alla Corte d'Assise d'Appello di Bologna di avere ammazzato l'8 aprile 2014 con un'iniezione letale di potassio una sua paziente, la 78enne Rosa Calderoni. Ma la vicenda si staglia su un contesto inquietante di numerose morti sospette all'interno dell'ospedale lughese, oltre che di furti in corsia e foto con i cadaveri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Iniezione letale alla paziente, chiesta la conferma dell'ergastolo per Daniela Poggiali

RavennaToday è in caricamento