menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si è spento l'imprenditore Giuliano Gamberini: "Uomo dolce e signorile, ma alla guida era un leone"

E' scomparso dopo una lunga malattia Giuliano Gamberini, imprenditore ravennate titolare della concessionaria Sva. Aveva 78 anni

E' scomparso dopo una lunga malattia Giuliano Gamberini, imprenditore ravennate titolare della concessionaria Sva. Aveva 78 anni. Lascia la moglie Anna e tre figli Silvia, Gianmarco e Cristina. "Con dispiacere apprendiamo della morte di Giuliano Gamberini - commenta il sindaco Michele de Pascale - Perdiamo una persona d’importanti capacità imprenditoriali, che amava Ravenna e per la quale nel corso della sua vita si è sempre speso, mettendo a disposizione progetti e risorse per la crescita della nostra comunità. Alla sua famiglia e ai suoi cari vanno le mie più sincere condoglianze”. 

A ricordarlo, tra gli altri, è Giannantonio Mingozzi, che ha voluto riportare alla memoria un episodio molto particolare: "Nell'esprimere ai familiari di Giuliano le condoglianze più sentite, voglio ricordare quella Mille Miglia del 2004 corsa in coppia con Gamberini sulla splendida 8V Stanguellini. Partiti da Brescia il 6 maggio alle 21 con il numero 252, transitammo venerdì 7 maggio in tarda mattinata dalla Piazza del Popolo di Ravenna, dove ci attendevano in tanti; Giuliano sempre impeccabile, giacca e cravatta e un fare dolce e signorile, ma un leone alla guida, dove ci alternammo per 4 giorni, con l'accoglienza di Ravenna simpatica e straordinaria, con la banda cittadina e gli amici del Lions a offrire salsiccia e mortadella a pubblico ed equipaggi, accompagnati dalla bandiera giallorossa che abbiamo mantenuto sull'auto per tutta la corsa. Arrivammo a Brescia la sera del 9, sotto una leggera pioggia, e concludemmo con un piazzamento di metà classifica, per noi eccellente. Ci mancherà il suo entusiasmo in corsa come nella vita, la sua capacità di infondere fiducia e ottimismo, una volontà indomabile al servizio della famiglia, dell'impresa e di Ravenna".

f6fa6698-b574-43e7-9eb8-211613508b1c-2

"Mi rattrista la notizia della morte del ragionier Giuliano Gamberini - lo ricorda invece il vicesindaco Eugenio Fusignani - Un imprenditore con una visione che ha contribuito alla crescita della nostra città. Una visione che spaziava molto oltre il suo orizzonte naturale legato al testimone che aveva raccolto con grande capacità. Grazie a quel testimone il suo nome resterà per sempre legato alla storia dell'automobile a Ravenna. Sapevo delle sue condizioni di salute, ma speravo sempre un giorno di poterlo rivedere con quel suo sorriso
empatico e quei suoi modi aperti e garbati. Non dimentico la sua generosità quando, nell’estate 2018, non esitò a mettere gratuitamente a disposizione dell’Associazione Nazionale Carabinieri una vettura per consentire lo svolgimento dei servizi di sorveglianza ai lidi. Lo ricorderò con affetto. Alla moglie Anna e ai figli Gianmarco, Cristina e Silvia il mio sentito cordoglio".

Alla fine degli anni '60 del secolo scorso, Giuliano Gamberini entra in Sva per dare continuità all'attività aziendale. Acquisisce le concessionarie del marchio Alfa Romeo, Lancia e Land Rover, rilevando rami d'azienda già presenti sul mercato automobilistico ravennate, e intuisce che l'asse portante del settore auto è il mercato dell'usato. Gamberini, diventato nel frattempo presidente di Sva spa, realizza che con la crisi del mercato dell'auto alle porte occorre valorizzare ogni sinergia possibile, ed è necessario riunire tutte le sedi Sva in una unica "città dell'auto" in via Trieste, dove sorge attualmente. Nel 2000, Gamberini avvia la costruzione del Centro commerciale Teodora, sempre nell'area di via Trieste, con negozi di prestigio che favoriscono la crescita dell'indotto attorno alle concessionarie. Alle vicende societarie, nel frattempo, si unisce come braccio destro il figlio Gianmarco, attuale amministratore delegato, e partecipano la figlia Cristina e il nipote Alvise. Poi Giuliano Gamberini, entrato anche nel settore immobiliare, comincia a dedicarsi esclusivamente a quel settore, lasciando al figlio Gianmarco le redini di quello automobilistico. Nei programmi di sviluppo del settore immobiliare vi era anche la costruzione di un centro commerciale a Malva Sud di Cervia, il nuovo Parco commerciale Teodora, due lottizzazioni a Savio e un progetto nell'area della Darsena di città

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento