Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Faenza

Chimica e tecnologie per l’ambiente: a Faenza sei nuovi laureati

Alle ore 9 sono previsti i colloqui degli studenti laureandi, mentre nel pomeriggio, a partire dalle ore 15.30, la cerimonia di conferimento delle lauree, che si aprirà con il saluto delle autorità

Il corso di laurea faentino in Chimica e Tecnologie per l’Ambiente e per i Materiali si appresta a sfornare sei nuovi dottori.
La cerimonia di conferimento delle lauree triennali è programmata mercoledì nella sede del corso di laurea, nella sala conferenze di Centuria (via Granarolo 62). Alle ore 9 sono previsti i colloqui degli studenti laureandi, mentre nel pomeriggio, a partire dalle ore 15.30, la cerimonia di conferimento delle lauree, che si aprirà con il saluto delle autorità.

Interverranno il vice sindaco del Comune di Faenza, il vice segretario generale vicario della Camera di Commercio di Ravenna Maria Cristina Venturelli, il presidente della Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza Alberto Morini e il direttore del Dipartimento di Chimica industriale nonché rappresentante della Fondazione “Toso Montanari” Angelo Vaccari. Dopo il saluto delle autorità è prevista (dalle ore 16.00) la consegna dei premi  di studio e della strumentazione offerti da Cerdomus, Comune di Faenza, Cooperativa Ceramica di Imola, Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza, Fondazione “Toso Montanari”, Hera, Sacmi Imola e Vetriceramici. Seguirà una breve presentazione degli elaborati finali da parte dei laureandi (alle ore 16.30), quindi, alle ore 17.00 circa, la proclamazione dei laureati.

I sei nuovi laureati, tutti della nostra provincia, sono Matteo Bonoli, 22 anni, di Faenza, che discuterà una tesi dal titolo “Sviluppo di protettivi antibatterici, a base di nano-argento, per superfici ceramiche”, Francesca Carella, 21 anni, di Ravenna, con la tesi “Sintesi e caratterizzazione di nano particelle di idrossiapatite per applicazioni di drug delivery in nano medicina”, Marco Melandri, 23 anni, di Lugo (“Prove di abbattimento di idrocarburi in un campione di fango contaminato in reattore bioslurry”), Andrea Ruffini, 21 anni, di Bagnacavallo (“Formulazione di additivi per la smaltatura digitale”), Ilaria Zanoni, 22 anni di Faenza (“Ottimizzazione di un impasto ceramico base per grès porcellanato mediante utilizzo di un metodo statistico sperimentale”) e Consuelo Raccagni, 22 anni, di Russi, con la tesi “Effetto delle materie prime sullo sviluppo dei coloranti per impasti ceramici”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chimica e tecnologie per l’ambiente: a Faenza sei nuovi laureati

RavennaToday è in caricamento