"Oltre l'arrivo", un libro per raccontare 20 anni di ultramaratona

Nel suo lavoro, l'autore raccoglie gli ultimi vent’anni dell’ultramaratona italiana raccontandone attraverso nomi, manifestazioni, prestazioni la sua evoluzione prepotente

La storia dell’ultramaratona italiana raccolta e raccontata in un libro. In questo periodo nel quale l’attività atletica su strada è pressoché ferma e si cominciano a prendere le misure per ripartire dopo la terribile pandemia che tutto ha fermato, Enrico Vedilei ha dato alle stampe la sua prima fatica letteraria: “Oltre l’arrivo”.

Il libro, oltre che una lettura, è soprattutto uno strumento di consultazione e di analisi di quello che da oltre vent’anni è il suo mondo, quello dell’ultramaratona che lo vede nelle vesti di praticante prima e poi anche di organizzatore, ma soprattutto di esperto in un ambiente molto delicato. Vedilei, nato a Villa Lubatti di Ortona ma residente a Bagnacavallo, è infatti da sempre appassionato di numeri e di podismo, e in questa raccolta ha unito le due passioni con 192 pagine di risultati, statistiche e curiosità riguardanti le 192 gare di ultramaratona e ultratrail dal 2000 al 2019 in Italia e italiani all’estero. Più di 5.000 atleti e 1.330 gare citate.

Nel suo lavoro, l'autore raccoglie gli ultimi vent’anni dell’ultramaratona italiana raccontandone attraverso nomi, manifestazioni, prestazioni la sua evoluzione prepotente, da disciplina di nicchia con meno di 20 manifestazioni al cambio del secolo a specialità amata alla follia dagli appassionati, con oltre 300 eventi allestiti lo scorso anno, denotando una diffusione massima in ogni regione. Ogni praticante italiano potrà quindi ritrovare nelle pagine del libro la propria storia attraverso i suoi numeri, i suoi primati, le sue partecipazioni in ogni manifestazione italiana e anche nelle prove straniere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un lavoro certosino, quello dell’abruzzese trapiantato in Romagna. Un’opera che, anche nell’era di Internet che consente a tutti di avere sempre con sé la più ampia enciclopedia mondiale di qualsiasi argomento, ha un suo perché, consentendo di mettere un punto a proposito di un settore atletico ultimamente molto discusso ma che raccoglie un numero crescente di appassionati, come si è visto anche durante le settimane più buie del Covid-19, quando in tanti si sono “inventati” la propria ultramaratona nei dintorni di casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Il Coronavirus torna nelle case di riposo: positivi 14 anziani e 3 oss

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento