rotate-mobile
Cronaca

Caos rifiuti, i sindaci chiedono sconti sulla Tari: "Mai più sub-fornitori inadeguati"

"Atersir dovrà stabilire una penalizzazione per Hera da tramutare in un equo sconto nelle bollette della Tari", affermano i sindaci

I sindaci dei comuni della provincia di Ravenna hanno preso carta e penna per evidenziare "con forza la gravità dei gravi disservizi che si sono verificati, e che in parte sono ancora in corso, nello spazzamento e  nella raccolta dei rifiuti". "Questi disservizi sono inaccettabili, ancor di più se raffrontati  ad una qualità abitualmente soddisfacente - evidenziano i primi cittadini -. Ad oggi, per ammissione della stessa Hera, il nuovo fornitore del servizio si è rivelato inadeguato per mezzi e personale. Hera deve assicurare da subito il ripristino del 100% dell'efficienza e della qualità del servizio".

"Atersir dovrà stabilire una penalizzazione per Hera da tramutare in un equo sconto nelle bollette della Tari: le bollette Tari dovranno essere "più  leggere" di quelle dell'anno precedente - proseguono i sindaci -. Quello che è avvenuto è evidentemente uno spartiacque. Richiamiamo e richiameremo i dirigenti del Gruppo Hera allo spirito con cui è stata creata Hera: presidiare i territori servendoli nel modo migliore  possibile e garantendo la qualità del servizio erogato agli abitanti. Hera dovrà compiere scelte radicali perché non si debbano verificare mai più disservizi, neanche temporanei, come quelli avvenuti e, in parte, ancora in corso nel territorio ravennate".

"È evidente che vanno predisposte gare con un diverso equilibrio fra garanzie della qualità del servizio e ribassi economici - concludono -. Vanno poi assicurati meccanismi di controllo realmente efficaci, a valle della gara, ma prima dell'avvio del lavoro di nuovi fornitori, sull'effettiva corrispondenza fra i requisiti dichiarati e quelli realmente effettivi da parte dei fornitori del servizio".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos rifiuti, i sindaci chiedono sconti sulla Tari: "Mai più sub-fornitori inadeguati"

RavennaToday è in caricamento